menu DE   | IT   | EN


preview 2022

Dem Ausnahmejahr 2020 folgte ein weiteres schwieriges Jahr für das Filmfestival Bozen. Nach neuerlichen strengen Maßnahmen zur Eindämmung der COVID 19-Pandemie fand die 34. Ausgabe von BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN vom 13. – 18. April 2021 online statt.

Unter dem Motto „#bffb34onlyathome“ wurde das Festivalprogramm internetfit gemacht und brachte die Festivalatmosphäre in den privaten Raum. Die Online-Version war nicht nur eine der Situation angemessene Notlösung, sondern auch Chance, neue Wege in der Kulturvermittlung zu gehen. Mit dem vielseitigen Angebot, das neben den Filmen auch Liveübertragungen von Gesprächen, einer Masterclass, der Eröffnung und der Preisverleihung, sowie Filmgespräche mit Regisseurinnen und Regisseuren beinhaltete, konnten wir fast 7.000 Zuschauerinnen und Zuschauer erreichen. 

„#bffb34onlyathome“ è il nome che abbiamo dato all’edizione 2021 del nostro festival, quest’anno online a causa della pandemia in atto. Dal 13 al 18 aprile 2021 si è così svolta la 34esima edizione di BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN, che ha portato un apprezzato programma all’interno di numerose case: gli accrediti sono andati esauriti già all’inizio del festival. Questo nuovo modo di fare un festival, per noi prima terreno del tutto sconosciuto, non è stata una soluzione di emergenza, ma una chance: l’esperimento (riuscito) di un nuovo modo di trasmettere cultura. 

 

Programm & Wettbewerbe / programma e concorsi

Preis für den besten Spielfilm / premio al miglior film
Preis für den besten Dokumentarfilm / premio al miglior documentario
Publikumspreis für den besten Spiel- oder Dokumentarfilm / premio del pubblico al miglior film o documentario
Preis der Euregio Schülerjury / premio della giuria studenti Euregio 
Ehrenpreis für eine herausragende Filmkarriere / premio d’onore alla carriera

Golden Walther Award: Das Fenster für in Südtirol gedrehte und geförderte Filme / la finestra sul cinema girato in Alto Adige

Spezialpreis „Dolomiten UNESCO Welterbe“ / Premio Speciale Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO

FINAL TOUCH #7: Das Branchenangebot für junge Filmschaffende / l’offerta formativa per giovani filmmakers

FOCUS EUROPA: Ein europäisches Gastland / un paese europeo ospite

LOCAL ARTISTS: Die Plattform für Südtiroler Filmschaffende / la finestra sui cineasti altoatesini

Spielstätten in ganz Südtirol / locations di proiezione in tutto l’Alto Adige

Begegnungen mit Filmschaffenden / dialoghi con esperti del settore 

Festivalpartner / I nostri partner

Das BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN pflegt seit Jahren die Kontakte mit anderen Filmfestivals aus Deutschland, Österreich, Italien, der Schweiz sowie mit lokalen Veranstaltern und Institutionen wie der EURAC, dem Jazzfestival Südtirol/Alto Adige, den Vereinigten Bühnen Bozen, dem Centro Trevi, der Schule für Film und Fernsehen ZeLIG, dem Konservatorium Claudio Monteverdi Bozen, der Freien Universität Bozen und dem Forum Prävention. Die IDM Südtirol Alto Adige ist seit Jahren unser Festivalpartner, mit dem wir die Programmfenster Made in Südtirol und Final Touch präsentieren.

BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN è molto legato ai suoi festival partner, dei Paesi da cui provengono i film del programma, così come è legato alle varie istituzioni culturali con cui fa rete da anni. L’EURAC, il Jazzfestival Südtirol/Alto Adige, il Club teatrale Vereinigte Bühnen Bozen, il Centro Trevi, la scuola di cinema e nuovi media ZeLIG, il Conservatorio Claudio Monteverdi, la Libera Università ed il Forum Prevenzionedi Bolzano sono, così come IDM Südtirol Alto Adige (insieme a cui organizziamo la rassegna Made in Südtirol e Final Touch) nostri preziosi alleati per offrire a pubblico ed addetti ai lavori un programma sempre più ricco. 

 

 NEWS 2022

1972-2022: Autonomy Experience

Zum 50jährigen Jubiläum des Zweiten Autonomiestatuts veranstaltet der Filmclub in Zusammenarbeit mit dem Center for Autonomy Experience über das Jahr verteilt eine Filmreihe zum Thema Autonomie und Minderheiten, die über den Tellerrand hinausblicken will, mit einem Höhepunkt am BFFB. Begleitet wird die Film-Reise mit Diskussionen und Begegnungen.

Per il 50esimo anniversario del secondo statuto di Autonomia e in collaborazione con il Center for Autonomy Experience, durante il festival saranno proiettati film e documentari legati all’autonomia e alle minoranze.

Local artists – goes Euregio

Das BFFB bietet der lokalen Filmbranche seit Anbeginn eine Plattform. In seiner 35. Ausgabe erweitert das Festival den Radius der Reihe Local artists auf die Europaregion Tirol Südtirol Trentino. Herzlich willkommen Tirol, benvenuto Trentino! Nella 35esima edizione, la rinomata sezione del festival abbraccerà anche le opere di filmmakers trentini e tirolesi, oltre che altoatesini.

Focus Europe: Albania/Kosovo

Die Reihe Focus Europe präsentiert 2022 eine Auswahl des aktuellen Filmschaffensaus Albanien/Kosovo. Die neue Generation an Filmschaffenden wirft einen kritischen Blick auf die jüngste Vergangenheit der Länder am Balkan.

Con le loro opere, i giovani cineasti del paese ospite 2022 getteranno uno sguardo critico sul passato, presente e futuro dei Balcani.

BFFB – Online

Der Zauber der großen Leinwand ist unersetzlich. Die Online-Ausgabe 2021 hat jedoch auch neue Wege eröffnet und so werden Live-Übertragungen von Talks und zusätzliche Filmvorführungen im Netz auch 2022 angeboten werden.

Dopo avere sperimentato il successo del 2021, offriremo anche nel 2022 una programmazione online di parte del nostro programma, che si affiancherà alle proiezioni in sala.

Teilnahme/ Candidature 

Filmeinreichungen zur Teilnahme am Festival für den Wettbewerb für den besten Spiel- und Dokumentarfilm, sowie für „Local artists“ sind bis zum 15. Dezember 2021 möglich. Alle Informationen finden Sie ab Oktober 2021 auf der Webseite www.filmfestival.bz.it. 

Autrici, autori e produzioni o distribuzioni sono invitati a proporre i lavori da ottobre 2021 seguendo le istruzioni riportate al sito web www.filmfestival.bz.it entro e non oltre il 15 dicembre 2021.  

 

 

BFFB Open air

 

*Bolzano Film Festival Bozen: OPEN AIR!

Alle scuole Aufschnaiter e al NOI Techpark

 

La prima settimana di agosto, sia nel cortile delle scuole medie Aufschnaiter che al NOI Techpark, si potrà vedere sul grande schermo una scelta di film del programma dello scorso Bolzano Film Festival Bozen, che, a causa della pandemia, sono stati fruibili esclusivamente online.

La prima serata di proiezioni è prevista per lunedì 2 agosto, dove, nel cortile delle scuole Aufschnaiter, sarà proiettato NOUR, del regista Maurizio Zaccaro, il film che ha vinto il Premio del pubblico Città di Bolzano 2021 e che è la storia di una bimba di dieci anni che ha affrontato da sola il viaggio verso l’Europa attraverso il Mediterraneo.

Altro film, in proiezione il 3 agosto, il tedesco KOKON, della regista  Leonie Krippendorff (per Variety nella lista dei “10 European talents to watch in 2020“): nei luccicanti giorni di mezza estate, ci sono molte prime volte per la giovane Nora di Kreuzberg: mestruazioni, fumo di marijuana, scoperta di desideri sessuali.

A BLACK JESUS di Luca Lucchesi, mercoledì 4 agosto al NOI, ci porta in un piccolo borgo in Sud Italia, dove la statua di un Gesù nero viene venerata da secoli.

Giovedì 5 agosto, è la volta di HOCHWALD della regista Evi Romen, film vincitore del festival. Il film racconta la storia di Mario, che vive a Hochwald, piccolo paese del Sud-Tirolo; un luogo di confine etnico-linguistico in cui si finge in silenzio di non sapere della sua omosessualità. 

Il 6 agosto, il film della regista bolzanina Maura Delpero, MATERNAL (Hogar)  sarà proiettato al NOI: è la toccante storia ambientata a Buenos Aires di due madri adolescenti, che vivono in una casa famiglia religiosa.

Sabato 7 agosto sarà la volta della rassegna di Corti, curata per BFFB dal festival di corti di Landshut ed introdotta dai suoi organizzatori: 7 corti finalmente visibili sul grande schermo anche a Bolzano!

Fa parte della rassegna all’aperto anche il film di Dror Zahavi Crescendo #makemusicnotwar, che chiuderà, domenica 8 agosto , la settimana estiva  del festival  a Bolzano: è la storia di Eduard Sporck, un direttore d’orchestra che accetta il compito di creare un’orchestra composta sia da giovani israeliani sia da palestinesi, inconsapevole della mole di problemi a cui va incontro.

Di seguito il programma di BFFB Open Air:

 

lun 02.08.2021 Nour (IT) (92′) Aufschnaiter (21:30)
mar 03.08.2021 Kokon DT(95′) Aufschnaiter (21:30)
mer 04.08.2021 A Black Jesus (con sott DT) (92′) NOI (21:00)
giov 05.08.2021 Hochwald DT(107′) Aufschnaiter (21:30)
ven 06.08.2021 Maternal (VOS) (91′) NOI (21:00)
sab 07.08.2021 Kurzes über’n Brenner (100′) Aufschnaiter (21:30)
dom 08.08.2021 Crescendo(con sott IT) (106’) Aufschnaiter (21:30)

 

Proiezioni con ogni meteo. Il programma Open Air continua poi dal 9 agosto a cura del Filmclub. Tutte le info su: www.filmfestival.bz.it e www.filmclub.it.

 

 

This was #bffb34onlyatHOME

Bolzano Film Festival Bozen chiude la sua prima esperienza di edizione tutta online con risultati oltre ogni migliore aspettativa.

“Dai numeri e dai numerosi feedback positivi che continuano ad arrivarci – così Helene Christanell, direttrice del festival – non possiamo che essere più che soddisfatti. Anche per noi è stato un esperimento: abbiamo dovuto mettere tutto online, quando ovviamente avremmo preferito essere con il pubblico in sala, ma ha funzionato: migliaia di persone ci hanno seguiti e hanno visto i film che abbiamo scelto per loro.”

Tra il 13 e il 18 aprile 2021 sono state oltre 2000 le visualizzazioni quotidiane del festival sui canali social ed il festivalpass disponibile per vedere 40 film a 19,50 Euro è andato esaurito già la mattina  del terzo giorno di festival. Gli eventi collaterali del festival, talks e cerimonie, hanno superato in media le 200 visualizzazioni alla volta. Gli spettatori che hanno guardato i film del programma online sono stati oltre 7000.

“Quello che ci ha fatto molto piacere – così Martin Kaufmann, direttore del programma del festival – sono i complimenti per la qualità delle opere scelte, anche da parte dalle giurie internazionali.”

Ricordiamo che tutti i talks, i q&a con i/le regist* e altri eventi collaterali resteranno sempre online sui nostri canali social: chi vedrà uno dei film del programma del festival in futuro in sala, potrà poi recuperare la presentazione con il/la rispettiv* regista sul canale Youtube Filmclub Live.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I vincitori 2021

Premio Provincia autonoma di Bolzano al miglior lungometraggio


La giuria internazionale composta da  Claudia Landsberger, Matthas Greuling e Corrado Ravazzini i ha deciso di premiare:

Hochwald di Evi Romen come miglior film

 

Di seguito le motivazioni della giuria:

“ In mezzo a un paesaggio idilliaco che normalmente viene apprezzato come meta di vacanza, ci attende una storia che non ci si aspettava. Un giovane cerca di affermare la propria identità per poter vivere la vita che desidera. Il film svela in modo multistrato l’anima del protagonista, per il quale non c’è scampo dalle sue origini e che sembra non avere appoggio dal suo villaggio, nemmeno fra i coetanei. In quanto estraneo a tutti, cerca comunque di vivere il suo sogno. La giuria assegna il premio a “Hochwald” per il suo approccio coraggioso alla storia di questo outsider, che convince su vari livelli anche grazie ad un grandioso attore protagonista”.

 

Premio Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano al miglior documentario


La giuria internazionale composta da Sven Ilger, Michela Occhipinti e Andrea Schramek ha deciso di premiare:

Space dogs di Else Kremser und Levin Peter come miglior documentario.

Di seguito le motivazioni della giuria:

“Per l’originalità del soggetto, per la fotografia visionaria e folgorante, fatta di palette multicolori e luci notturne, verde diurno e grigio asfalto. Per il ritmo equilibrato e poetico che combina abilmente i vari elementi cinematografici di musica, suono, montaggio e quella voce narrante che sembra arrivare direttamente dal passato. Per la dicotomia tra esplorazione dello spazio, fatta di incredibile materiale di repertorio, e la visione rasoterra, attraverso lo straordinario pedinamento mimetizzato ad altezza cane. Un film potentissimo sull’insensatezza e la crudeltà dell’umanità e la purezza, la tenerezza e la naturale brutalità dell’animalità. Porta in sé qualcosa che va oltre il racconto stesso, un senso imperscrutabile di vita primordiale che resta attaccato. Talmente ipnotizzante e sorprendente che diventa difficile da dimenticare. Applausi ai registi”.

 

Premio del pubblico Città di Bolzano

Il pubblico in sala ha votato per: Nour di Maurizio Zaccaro

 

Premio Golden  Walther Award:

Il premio di Walther Park Bolzano –Bozen viene assegnato a: Luca + Silvana di Stefano Lisci

Riconoscimento FINAL TOUCH #6. Intense feedback from experts:

TRUE COLOURS International Distribution Prize e Cine Chromatix Italy Post-Production Prize vanno a  Iris di Natalia Sinelnikova

TRUE COLORS: “Un’opera prima che ha sia le caratteristiche per iniziare un percorso di successo nel circuito dei festival internazionali, che il potenziale per ritagliarsi uno spazio nel mondo della distribuzione arthouse. Un intrigante sguardo al femminile su una realtà all’apparenza perfetta che dietro la sua ipocrisia nasconde paure profonde. Un film che, una volta completo, speriamo possa portare il pubblico a riflettere sul coraggio e sulla verità”.

CINE CHROMATIX: “Abbiamo deciso di assegnare il premio a IRIS perché vediamo il  grande potenziale della storia della lenta evoluzione di un conflitto tra l’essere e l’apparire, raccontato con un linguaggio audiovisivo non convenzionale. Inoltre, il fatto che il progetto si trovi in una fase dove noi imprenditori della postproduzione abbiamo ancora ampio spazio creativo, ci permette di entrarci e sostenerlo con ancora più valore aggiunto da apportare.”

 

 

 

Masterclass e Nouvelle Waag Talks

Masterclass (via zoom)

Un viaggio con Valentina

di Bastian Esser

16.04.2021 / 10.00 – 11.30

Vi pregiamo di registrarvi: info@filmfestival.bz.it

Con la collaborazione di

Nouvelle Waag Talks

Dal 2020 l’ufficio di Bolzano Film Festival Bozen
si trova all’interno della vecchia Casa della pesa,
nel cuore storico di Bolzano, al numero 19A dei
Portici. L’edificio ospita anche il Waag Café che è
divenuto per noi un ulteriore luogo per incontrarsi
durante il festival, oltre al Filmclub, 100 metri più
in là. Anche i “Nouvelle Waag Talks” hanno luogo
nella nuova sede e vengono anche tutti condivisi
attraverso facebook.

Mi/mer 14.04. – 18.00 (Facebook)

Local artists: Behind the scenes

 

Do/gio 15.04. – 18.00 (Facebook)

Female Views: registe del festival

Con: Maura Delpero, Evi Romen, Gitta Gsell

Conducono: Brigitte Hofer, Alma Vallazza

Fr/ven 16.04. – 18.00 (Facebook)

Piccole lingue DOC/Kleinsprachen DOC

Conduce: Elfi Reiter/saltobz

Con la collaborazione di UniBz e salto talk

Sa/sab 17.04. – 18.00 (Facebook)

Orientamenti sessuali e identità

Con: Martine De Biasi, Jürgen Piger, Gitta Gsell

Conduce: Raffaella Vanzetta

Con la collaborazione di Rete prevenzione alla violenza e forum prevenzione/violenza

 

I film in concorso

Quest’anno, causa pandemia, il 34esimo Bolzano Filmfestival Bozen sarà in forma ibrida: ciò significa che tutti i  film e documentari in concorso saranno visibili sia in sala che online. Sotto il motto #imKINOdaCASA, il festival (13 -18 aprile 2021) si prepara ad un nuovo tipo di edizione.

I FILM IN CONCORSO

 

 

Dalla Svizzera arriva BEYTO della regista Gitta Gsell, storia di uno studente, astro nascente di un club di nuoto di Berna, unico figlio di immigrati turchi, che si innamora del suo allenatore. Il film è anche nominato per il premio giuria studenti Euregio.

Evi Romen, regista bolzanina attiva come montatrice a Vienna, presenta al festival HOCHWALD, il suo primo lungometraggio già vincitore di vari premi. Il film racconta la storia di Mario, che vive a Hochwald, piccolo paese del Sud-Tirolo.

Dalla Germania, la regista  Leonie Krippendorff (per Variety nella lista dei “10 European taltens to watch in 2020“) porta a Bolzano KOKON: nei luccicanti giorni di mezza estate, ci sono molte prime volte per la giovane Nora di Kreuzberg. Il film è anche nominato per il premio giuria studenti Euregio.

Al festival torna la regista bolzanina Maura Delpero (già vincitrice nel 2008 con Nadea e Sveta), con la coproduzione italo-argentina MATERNAL (Hogar) toccante storia ambientata a Buenos Aires, dove Lu e Fati, madri adolescenti, vivono in una casa famiglia religiosa.

Il regista italiano Maurizio Zaccaro porta a Bolzano la storia di NOUR, una bimba di dieci anni che ha affrontato da sola il viaggio verso l’Europa attraverso il Mediterraneo. Pietro Bartolo, medico di Lampedusa, se ne prende cura.

Ultimo film in concorso è WINDSTILL, della bolzanina Nancy Camaldo, produzione tedesca che ci immerge nella storia di Lara, mamma di una bimba di un anno e compagna di Jacob, un cuoco molto stressato dal suo lavoro.

 

 

DOCUMENTARI IN CONCORSO  

Luca Lucchesi con A BLACK JESUS ci porta in un piccolo borgo in Sud Italia, dove la statua di un Gesù nero viene venerata da secoli. La comunità si trova di fronte a un bivio alla richiesta del diciannovenne ghanese Edward, ospite del contestato centro di accoglienza del paese, di affiancare i portatori locali della statua, prendendo parte attivamente alla processione annuale.

 

Cecilia Mangini e Paolo Pisanelli firmano DUE SCATOLE DIMENTICATE, sul ritrovamento di due scatole piene di negativi fotografici 6×6, che li riportano nel 1964-65 in un Vietnam del Nord in guerra con gli U.S.A.

Di produzione austriaca è GLORY TO THE QUEEN della regista Tatia Skhirtladze. Siamo a Tbilisi, Georgia, dove entriamo nelle vite di quattro campionesse mondiali di scacchi: Nona Gaprindashvili, Nana Alexandria, Maia Chiburdanidze e Nana Ioseliani. Osannate dal pubblico, amiche e rivali, le giocatrici del Soviet Union’s Olympic team, si ritrovano dopo 25 anni.

Laika, un cane randagio, fu il primo essere vivente ad essere inviato nello spazio e quindi condannato a una morte certa. Di lei ed altri cani di strada a Mosca raccontano Elsa Kremser e Levin Peter in  SPACE DOGS, coproduzione austro- tedesca.

Dalla Svizzera arriva un’altra storia del passato: Ivo Zen con SUOT TSCHÊL BLAU racconta di un villaggio in cui i giovani degli anni ’80 e ’90, ispirati dai disordini di Zurigo, hanno resistito alle tradizionali regole della società, rifugiandosi però nella tossicodipendenza.

Il regista portoghese Nuno Escudeiro, formatosi alla scuola ZeLig di Bolzano presenta THE VALLEY, documentario ambientato al confine tra Italia e Francia, dove i migranti in fuga dalla guerra, cercano di passare. La popolazione della Valle di Roya, testimone delle sofferenze dei migranti, fornisce loro riparo, cibo e consulenza legale.

 

 

 

 

 

BFFB #imKINOdaCASA

Un nuovo modo di stare insieme!

Il prossimo Bolzano Film Festival Bozen sarà sia dal vivo che online

 

Tra il 13 e il 18 aprile 2021 torna, in una nuova forma ibrida, Bolzano Film Festival Bozen, annullato nel corso del 2020 per ben due volte, a causa della pandemia in atto.

“Siccome non abbiamo garanzie su come sarà la situazione sanitaria in primavera” così la direttrice del festival, Helene Christanell” abbiamo deciso di lavorare ad una nuova formula, che mescola le presenze in sala con l’offerta online; stiamo cercando di progettare il meglio perché il cinema possa essere vissuto come prima”.

Ritrovarsi e godere insieme della bellezza condividendo uno spazio di esperienza cinematografica fisica in sala, tra pellicole che uniscono i paesi dell’area mitteleuropea e l’offerta di un programma online con l’intento di mettere in contatto il meglio della produzione cinematografica internazionale, generando spazi di condivisione e dialogo creativo a supporto dei nuovi talenti e dei giovani: sono questi gli obiettivi del festival per il 2021.

Un festival in cui anche ogni singolo spettatore/spettatrice, potrà interagire con gli eventi organizzati e in varie forme e su diverse piattaforme. E sarà, inoltre, ogni persona che vorrà partecipare al festival, a decidere in che forma (presenza in sala, visione online?) partecipare. “Questo ovviamente in caso di non inasprimento della situazione Covid” ancora Christanell – “che, se avvenisse, porterebbe noi organizzatori a prendere l’unica decisione possibile a cinema chiusi, ovvero quella di offrire tutto il programma, i talk, gli eventi esclusivamente online”.

Informazioni sul programma trovate qui

 

 

 

Thank you!

Grazie a tutte e a tutti per aver scelto BFFB34!

Il termine ultimo per le iscrizioni è appena scaduto e siamo molto orgogliosi di annunciare che quest’anno abbiamo ricevuto più di 350 film (fiction e documentari) per il nostro festival.

Grazie a tutte e a tutti e non vediamo l’ora di incontrarvi dal 13 al 18 aprile 2021 per la 34esima edizione del Bolzano Film Festival Bozen!

Online Event Piccole Lingue DOC

18 dicembre, ore 19 – livestream su facebook

Evento in collaborazione con la Libera Università di Bolzano/Master in linguistica applicata.

Céline Carridroit e Aline Suter, registe del documentario svizzero RESUNS in lingua romancia (vincitore della Genziana d’argento al Trento Film Festival 2015), in dialogo sulle lingue delle minoranze e la loro interpretazione nel documentario.

Con: Helene Christanell, Silvia Dal Negro, Heidi Gronauer, Daniele Ietri, Eleonora Mastropietro, Daniela Veronesi, Ruth Videsott (Bolzano Film Festival Bozen, ZeLIG, Libera Università di Bolzano, La Fournaise).

Il romancio è una delle quattro lingue ufficiali della Svizzera e viene utilizzato da alcuni gruppi nei territori del Cantone dei Grigioni. Proprio grazie alla sua natura minoritaria e isolata, il romancio ha mantenuto un fascino particolare ancora profondamente legato al mondo contadino in cui si è sviluppato. Chi parla il romancio lo percepisce come una forma di resistenza alla omologazione e come un insieme di suoni in singolare armonia con il paesaggio montano.

Il talk avrà luogo online il 18 dicembre, alle ore 19:00,  in lingua italiana e inglese, livestream su facebook.

Il film sarà visibile per 7 giorni a partire dalle ore 19 di mercoledì 16 dicembre al link: https://vimeo.com/489334859

Password: piccolelinguedoc

 

premio speciale Dolomiti UNESCO

 

Al film “Alpgeister” del regista tedesco Walter Steffen va il premio speciale Dolomiti UNESCO nell’ambito del Bolzano Filmfestival Bozen 2020.

Nell’ambito della rassegna cinematografica Bolzano Film Festival Bozen, il premio speciale Dolomiti UNESCO è stato assegnato al regista tedesco Walter Steffen per il film “Alpgeister” (Germania 2019, Walter Steffen, 97 min). Il premio in provincia di Bolzano viene assegnato dalla Fondazione Dolomiti UNESCO e dalla Ripartizione natura, paesaggio e territorio con il sostegno della associazioni alpinistiche AVS e CAI Alto Adige. Il giudizio della giuria è stato espresso a maggioranza. La giuria era composta da Ingrid Beikircher (vicepresidente Alpenverein Südtirol AVS), Roland Dellagiacoma (Comitato scientifico Fondazione Dolomiti UNESCO) e Claudio Sartori (presidente CAI Alto Adige).

Il film del regista tedesco, selezionato fra una rosa di tre film nominati, secondo la giuria ha soddisfatto in modo più convincente ed esaustivo i criteri di valutazione. Il valore artistico di questo film risiede in una emozionante drammaturgia e in dichiarazioni convincenti da parte di personalità autentiche. Tramite il film “Alpgeister” il regista rivolge un appello ad una vita improntata all’armonia con la natura al di là di superficialità e materialismo. Walter Steffen fa rivivere un’epoca nella quale le persone vivevano in simbiosi con la natura e i suoi spiriti grazie a riprese emozionanti di paesaggi naturali e culturali unici, frutto di un utilizzo sostenibile secolare in armonia con gli habitat montani, Storie di popoli antichi e sciamani, miti e leggende delle Alpi, servono, infatti, al regista per richiamare lo spettatore all’importanza del legame dell’uomo con la natura e al rispetto della stessa, che oggi alla luce della crisi climatica pare andato perduto.

Rispetto per la natura e il paesaggio, anche per Virna Bussadori, direttrice della Ripartizione natura, paesaggio e territorio, sono ciò che dà valore al premio. Molto importante, in questo senso, anche la collaborazione con CAI e Alpenverein. “Sono partner fondamentali nell’ambito di Dolomiti Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, che sostengono la giuria e il premio in denaro”, afferma. Il regista premiato Walter Steffens è convinto, che la rinnovata vicinanza con la natura costuisca un passo rilevante per superare l’attuale crisi climatica.  

Rappresentare i valori del Patrimonio mondiale

Il premio speciale “Dolomiti UNESCO Patrimonio mondiale”, istituito dalla Fondazione Dolomiti UNESCO nel 2018 e viene assegnato nell’ambito manifestazioni culturali rilevanti dell’area alpina. In provincia di Bolzano dal 2019 la sua assegnazione avviene nell’ambito Bolzano Film Festival Bozen. “Il riconoscimento va alla regista o al regista il cui film rappresenti nel modo il più significativo possibile i valori delle Dolomiti Patrimonio mondiale UNESCO, come unicità, integrità di natura e paesaggio, utilizzo sostenibile, varietà culturale, responsabilità per il patrimonio dell’umanità”, ricorda Marcella Morandini, direttrice della Fondazione Dolomiti UNESCO. Nel 2019 ha vinto il premio speciale Dolomiti UNESCO il regista Nicola Bellucci per il film “Il mangiatore di pietre”, con Luigi Lo Casio nel ruolo del protagonista. Se lo sviluppo epidemiologico lo consentirà, il film sarà proiettato nell’ambito del Bolzano FilmFestival Bozen 2021.

 

 

 

piccole lingue DOC

Per l’edizione del 2021, il Bolzano Film Festival Bozen, in collaborazione con la Libera Università di Bolzano, dedicherà una sezione speciale a documentari sulle minoranze linguistiche.

Sono da intendersi in questo senso documentari di qualsiasi durata, che affrontino temi legati alle minoranze linguistiche e alle problematiche territoriali ad esse associate, o nei quali le lingue minoritarie siano utilizzate come lingua parlata.

La sezione “Piccole lingue DOC” raccoglierà alcune opere che saranno proiettate fuori concorso nei giorni del Festival, dal 13 al 18 aprile 2021.

Data la particolarità del tema, i film selezionabili non dovranno necessariamente rispettare i requisiti relativi all’anno di produzione previsti nel bando di Bolzano-Bozen Film Festival, ma si darà comunque precedenza alle opere più recenti e che non siano mai state proiettate sul territorio dell’Alto Adige – Südtirol.

La sezione sarà curata dalle linguiste Silvia dal Negro e Daniela Veronesi e dai documentaristi e geografi Daniele Ietri e Eleonora Mastropietro.

A tutte/i le/i partecipanti sarà data informazione sull’eventuale partecipazione alla sezione entro metà marzo 2021.

unibz_trilingual_blue_cmyk_300dpi

minderheitensprachen

 

contatti

Consulenze ed aiuto per le donne

Associazione GEA Centro d’Ascolto Antiviolenza Via del Ronco 21, Bolzano, Tel. 0471/513399 – Fax 0471/513398 Nr. Verde 800 276 433 (24ore) www.casadelledonnebz.it

Casa alloggi protetti Bolzano 800 892 828

Frauen helfen Frauen, Bolzano, 0471 973 399 www.frauenhelfenfrauen.it

Donne contro la violenza Merano 800 014 008 (24ore)

Centro antiviolenza Bressanone 800 601 330 (24ore)

Servizio Casa della donna Brunico 800 310 303 (orario d’ufficio)

Hotline a livello nazionale per vittime di violenze e stalking 1522 (24ore)

 

Consulenze ed aiuto per i giovani

Young + Direct 840 036 366 www.young-direct.it

La Strada-der Weg, Il germoglio – Der Sonnenschein 0471 061 400, 800 832 842 germoglio@lastrada-derweg.org

 

Consulenze ed aiuto per uomini

Consulenza per uomini Caritas 0471 324649 mb@caritas.bz.it

 

 

Le donne vogliono sicurezza per sé stesse e per i loro figli

Ne parla Marcella Pirrone, avvocata e presidente della rete europea “Wave – Women against violence Europe“

 

Il sistema giuridico è sufficientemente adeguato per proteggere le donne dalla violenza e dalle sue conseguenze?

In Italia ci sono delle buone leggi, che sono state elaborate in stretta collaborazione con tutti i gruppi target interessati. Ciò che è problematico e sbagliato è la loro applicazione, perché dipende dalle persone. Si tratta di saper vedere e leggere correttamente la violenza, perché è un problema complesso che richiede una competenza professionale. In nessun corso di studi è prevista una formazione specifica sul tema della violenza contro le donne. Tuttavia, un tale corso sarebbe urgentemente necessario per tutti i professionisti (giustizia, polizia, servizi sociali e sanitari) al fine di superare gli schemi tradizionali.

 

Quali domande vengono poste quando vi viene richiesto un aiuto?

Le donne hanno bisogno di sostegno per uscire dal ciclo della violenza. Per questo, una consulenza legale chiara è importante tanto quanto un’analisi della loro situazione di rischio, in modo che possano sentirsi al sicuro. Se vogliono uscire da una situazione di violenza, possono purtroppo rischiare la vita. Anche i diritti di visita spesso concessi ai padri sono problematici. Quando i bambini sono vittime di violenza hanno paura dei loro padri, ma questo non viene preso sul serio.
Legalmente, la violenza assistita è ormai riconosciuta come maltrattamento, anche se non c’è stata alcuna aggressione diretta verso i bambini stessi.

Quanto è difficile per le donne rivolgersi ad un avvocato?

Molte donne trovano questo percorso molto difficile perché si danno la colpa delle aggressioni. E il loro contesto di vita spesso minimizza queste aggressioni, secondo il motto “Non è poi tutto così male”. Meno è chiaro che le aggressioni sono reati, più è difficile chiedere una consulenza legale. Per le donne che provengono da un ambiente in cui tutto appare come un mondo perfetto o quelle che vivono con uomini pubblicamente conosciuti la situazione è più difficile, perché è ancora meno probabile che vengano credute.

La consulenza legale è sempre a pagamento?

Non vi è alcun addebito per la consulenza legale se si riscontrano 2 reati specifici: abusi domestici e violenza sessuale. In questioni di diritto civile come la separazione o il divorzio, l’assistenza legale è gratuita solo se il reddito della donna è al di sotto di un certo limite.

(Renate Mumelter)

 

(Foto: Manuela Tessaro)

Marcella Pirrone, avvocatessa, lavora da oltre 30 anni sul tema diritti delle donne e violenza contro le donne ed i loro figli. Come attivista femminista è co-fondatrice della Casa delle donne di Merano e della Rete italiana di accoglienza delle donne “D.i.Re Donne in Rete contro la violenza”. Fa parte dell’associazione GEA di Bolzano e dal 2020 è presidente della rete europea “Wave – Women against violence Europe “.

 

Che cosa sono il training antiviolenza e la consulenza per gli uomini?

Che cosa sono il training antiviolenza e la consulenza per gli uomini?

Ne parla Guido Osthoff

 

Quando arrivano gli uomini per il training antiviolenza?

La maggior parte di loro arriva se ci sono delle condizioni dettate, per esempio, da parte del tribunale minorile. I padri devono completare il training se vogliono avere un contatto con i loro figli. La violenza domestica è più comune nelle famiglie con bambini.

Come si svolge il training?

L’uomo si iscrive da noi. Poi di solito ci sono tre colloqui personali, la cosiddetta fase di compensazione. Se possibile, la donna interessata viene contattata dalle colleghe dei centri di accoglienza per donne, che offrono il loro aiuto. Con l’ausilio di questionari sia per l’uomo che per la donna, si chiarisce il comportamento violento. Dopo i tre incontri individuali, non prima, l’uomo viene inserito nel gruppo dove si svolge il training antiviolenza. Quando si entra nel gruppo è importante aver riconosciuto almeno una parte della propria responsabilità. All’inizio gli uomini tendono a respingere le accuse di violenza come accuse ingiustificate. Il gruppo è importante proprio per cambiare questa visione. Il training prevede che gli uomini si assumano la responsabilità del loro comportamento violento, riconoscendo come funzionano le dinamiche e lavorando su soluzioni di emergenza per situazioni di escalation. Una di queste può essere quella di lasciare la stanza.

Quanto dura un training?

La formazione comprende 28 incontri settimanali e può durare fino a un anno.

Avete anche offerte decentrate?

No, questo non è possibile perché il gruppo deve essere di una certa dimensione e perché non molti uomini si fanno avanti.

Offrite anche consulenza per gli uomini. Una cosa ha a che fare con l’altra?

No, il training antiviolenza è una cosa, la consulenza è un’altra. Questa viene offerta a Merano, Bressanone e Bolzano. Gli uomini possono venire se hanno qualcosa di cui parlare, che non riescono da soli a gestire. Gli argomenti sono vari. Si va dalla crisi esistenziale, ai ruoli paterni, ai problemi di relazione in generale, ma anche ai conflitti e alle separazioni.

 

(Renate Mumelter)

 

Guido Osthoff, teologo e pedagogista sociale, dal 2002 collabora con la Caritas e dal 2014 dirige ed è responsabile del Servizio di consulenza per uomini della Caritas, che offre un training antiviolenza a uomini che usano violenza in ambiente domestico. Vive con la famiglia a S. Andrea/ Bressanone.

Violenza domestica. I minori hanno bisogno di aiuto

Katia Schneider (GEA) informa

Lei si occupa di minori che sono vittime di violenza assistita. Cosa significa in concreto?

Mi occupo di accompagnare i minori che in seguito ad una situazione di violenza domestica, per motivi di sicurezza, sono stati accolti nella nostra struttura protetta assieme alla madre. Questo significa innanzitutto allontanarli dalla situazione di violenza e poi ascoltarli e riconoscere quanto è loro accaduto, cercando di sviluppare il migliore adattamento possibile. Significa imbastire i contatti con i servizi socio-sanitari necessari a garantire al minore una rete di supporto che possa aiutarlo soprattutto a non dover essere ulteriormente esposto alla violenza.

Cosa succede in bambini o adolescenti che devono vivere in una situazione in cui il padre esprime disprezzo nei confronti della madre o la maltratta economicamente o fisicamente?

I bambini e gli adolescenti vengono inevitabilmente triangolati e coinvolti nella violenza e questo comporta gravi danni nella loro evoluzione psicologica, emotiva ed esistenziale. La violenza assistita produce sui bambini effetti traumatici di pari intensità a quelli prodotti da violenze dirette.

Lei cosa può fare per evitare o almeno limitare i traumi che inevitabilmente nasceranno?

L’impatto traumatico aumenta enormemente se il bambino è lasciato solo con emozioni che non può comunicare o condividere ed elaborare. Quello che io posso fare è creare uno spazio in cui il bambino lo possa fare e costruire attorno a lui una rete attenta ai suoi bisogni.

Cosa può fare la società?

Quello che la società può fare è riconoscere che la violenza domestica non è semplicemente un conflitto e non sottovalutare i danni per la donna e per i minori che da questa conseguono.

E’ possibile riconoscere vittime di violenza assistita?

Per riconosce una vittima di violenza assistita occorre innanzitutto riconoscere la violenza domestica.

A chi ci si può rivolgere per trovare aiuto?

In Alto Adige esistono i Centri Antiviolenza specializzati che si occupano di questo.

Katia Schneider, Psicologa. Operatrice presso il Centro Antiviolenza – ass. GEA di Bolzano nell’ambito minori

Le donne vogliono sicurezza per sé stesse e per i loro figli

Ne parla Marcella Pirrone, avvocatessa e presidente della rete europea “Wave – Women against violence Europe“

 

Il sistema giuridico è sufficientemente adeguato per proteggere le donne dalla violenza e dalle sue conseguenze?

In Italia ci sono delle buone leggi, che sono state elaborate in stretta collaborazione con tutti i gruppi target interessati. Ciò che è problematico e sbagliato è la loro applicazione, perché dipende dalle persone. Si tratta di saper vedere e leggere correttamente la violenza, perché è un problema complesso che richiede una competenza professionale. In nessun corso di studi è prevista una formazione specifica sul tema della violenza contro le donne. Tuttavia, un tale corso sarebbe urgentemente necessario per tutti i professionisti (giustizia, polizia, servizi sociali e sanitari) al fine di superare gli schemi tradizionali.

Quali domande vengono poste quando vi viene richiesto un aiuto?

Le donne hanno bisogno di sostegno per uscire dal ciclo della violenza. Per questo, una consulenza legale chiara è importante tanto quanto un’analisi della loro situazione di rischio, in modo che possano sentirsi al sicuro. Se vogliono uscire da una situazione di violenza, possono purtroppo rischiare la vita. Anche i diritti di visita spesso concessi ai padri sono problematici. Quando i bambini sono vittime di violenza hanno paura dei loro padri, ma questo non viene preso sul serio.
Legalmente, la violenza assistita è ormai riconosciuta come maltrattamento, anche se non c’è stata alcuna aggressione diretta verso i bambini stessi.

Quanto è difficile per le donne rivolgersi ad un avvocato?

Molte donne trovano questo percorso molto difficile perché si danno la colpa delle aggressioni. E il loro contesto di vita spesso minimizza queste aggressioni, secondo il motto “Non è poi tutto così male”. Meno è chiaro che le aggressioni sono reati, più è difficile chiedere una consulenza legale. Per le donne che provengono da un ambiente in cui tutto appare come un mondo perfetto o quelle che vivono con uomini pubblicamente conosciuti la situazione è più difficile, perché è ancora meno probabile che vengano credute.

La consulenza legale è sempre a pagamento?

Non vi è alcun addebito per la consulenza legale se si riscontrano 2 reati specifici: abusi domestici e violenza sessuale. In questioni di diritto civile come la separazione o il divorzio, l’assistenza legale è gratuita solo se il reddito della donna è al di sotto di un certo limite.

(Renate Mumelter)

 

(Foto: Manuela Tessaro)

Marcella Pirrone, avvocata, lavora da oltre 30 anni sul tema diritti delle donne e violenza contro le donne ed i loro figli. Come attivista femminista è co-fondatrice della Casa delle donne di Merano e della Rete italiana di accoglienza delle donne “D.i.Re Donne in Rete contro la violenza”. Fa parte dell’associazione GEA di Bolzano e dal 2020 è presidente della rete europea “Wave – Women against violence Europe “.

 

Online Event: violenza assistita

Cosa provano i bambini costretti a crescere in un ambiente domestico violento? Che reazioni hanno e/o avranno in futuro?

 

Questo è ciò di cui racconta il regista austriaco Günter Schwaiger con il suo film DER TAUCHER, seconda sua opera interamente dedicata al tema della violenza. Se, nel 2013, con il film MARTAS KOFFER, Schwaiger ha portato sullo schermo la storia di una donna sopravvissuta al tentato omicidio da parte del marito, con DER TAUCHER il regista si sposta ad analizzare la reazione ad un trauma: in una idilliaca Ibiza, il rapporto tra una donna e la giovane figlia diciottenne viene messo in crisi da un ex che compare sulla scena.

Il film si può vedere fino al 21 novembre (5 Euro streaming, 10 Euro download, l’incasso va direttamente alla casa di produzione); si può scegliere tra versione in lingua originale (tedesco) oppure versione originale, sottotitolato in inglese.

Un successivo talk, nell’ambito programma „Nouvelle Waag“ , è previsto per il 18 novembre, alle ore 20.15: il focus sarà parlare di prevenzione alla violenza assistita, ovvero dell’impatto che ha la violenza vissuta in casa tra i genitori, sulla vita di bambini e adolescenti.

Il talk, organizzato in collaborazione alla Rete prevenzione alla violenza – nato tredici anni fa in Alto Adige per sensibilizzare la popolazione sul tema della violenza, vedrà discutere, con la moderazione di Sabina Frei: l’avvocata Marcella Pirrone, la psicologa e direttrice del centro „Il Germoglio- der Sonnenschein – La strada – der Weg“, Cristina De Paoli, il direttore della sezione consulenza maschile, Guido Osthoff ed il regista Günter Schwaiger.

Qui trovate l’intervista di Renate Mumelter ai/lle partecipanti. “Le donne vogliono sicurezza”, “Violenza in casa: i/le bambini/e hanno bisogno di aiuto”, “training antiviolenza e consulenza per gliuomini:di cosa si tratta?”

Qui trovate una lista di contatti!

Il talk si potrà seguire online sulla pagina facebook di Bolzano Film Festivals Bozen e del Forum Prevenzione.

“Sono un documentarista – così Schwaiger – , ma volevo assolutamente fare una fiction su questo tema, con alcuni simboli che dovevano essere fissi e chiari. Il primo è l’isola, luogo idilliaco ma che può trasformarsi in prigione; c’è poi l’arte, o meglio l’animazione, ovvero il lavoro che la figlia fa nel film: crea corti di animazione che hanno lo scopo di aiutare a superare traumi. Poi c’è il simbolo più forte di tutti: il tuffarsi, come introspezione anche nella propria coscienza.

Se un/a bambino/a costretto a vivere in situazione di violenza assistita non viene aiutato, rischia di somatizzare, reprimere e tenersi tutto dentro, perché difficilmente riuscirà ad aiutarsi da solo. Può succedere che in futuro si inneschi anche una spirale in cui da vittima rischia di trasformarsi in carnefice”.

 

 

 

(Deutsch) Ein Film. Tante storie

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Tedesco.

Intermezzo – cancellato!

Purtroppo l’edizione speciale BFFB Intermezzo è stata cancellata a causa dell’identificazione di nuove aeree europee ad alto rischio COVID-19, tra le quali il nostro territorio.

Intermezzo è il nome che il team del BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN aveva scelto per una piccola e speciale edizione dal 17 al 20 novembre con parti del programma che erano previste per la scorsa edizione del festival, purtroppo annullata ad aprile, sempre a causa del COVID-19.

Ci addolora dovere cancellare anche questo secondo appuntamento dell’anno, al quale abbiamo tanto creduto, lavorato e sperato di proporre: sarà nostra premura proiettare alcuni dei film del programma di Intermezzo al cinema Capitol, dal momento in cui i cinema potranno essere riaperti.

Sebbene non ci sia permesso proiettare film in sala, meetings e talks – ai quali sono tutt* invitati – avverranno comunque online, sempre in novembre, sulle nostre piattaforme e quelle dei nostri partners coinvolti. Ad esempio, final touch#5 l’offerta formativa del festival di alto livello, organizzata con IDM Alto Adige/Südtirol verrà presentata online.

Il 18 novembre, sempre online, oltre che sulla nostra pagina facebook e su quella del Forum prevenzione e antiviolenza di Bolzano, verrà anche presentato  il talk – nell’ambito programma  „Nouvelle Waag“ – che ha come focus la prevenzione della violenza assistita, ovvero l’impatto che ha la violenza vissuta in casa tra i genitori, sulla vita di bambini e adolescenti.

Il talk, in collaborazione con la Rete Prevenzione alla Violenza, nata in Alto Adige per sensibilizzare la popolazione sul tema della violenza, è organizzato in relazione al film DER TAUCHER di  Günter Schwaiger, che per l’occasione sarà disponibile online per il pubblico, sui canali del festival.

Dallo scorso anno abbiamo un nuovo premio: il Premio Speciale Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO viene attribuito al/lla regista che con il suo film è in grado di rinsaldare i legami territoriali e favorire la diffusione dei valori UNESCO sia a livello nazionale che internazionale.

Nominati al premio per l’anno 2020 sono i film: IL PASSO DELL’ACQUA di Antonio Di Biase, SICHERHEIT 123 di Julia Gutweniger e Florian Kofler e infine ALPGEISTER di Walter Steffen. Il premio è istituito in collaborazione con la Fondazione Dolomiti Unesco,  CAI e Alpenverein e verrà consegnato in sala, durante la prossima edizione del festival, in aprile 2021.

Vi ricordiamo che la prossima edizione di Bolzano Film Festival Bozen è prevista tra il 13 e il 18 aprile 2021 e che la call for entries è aperta finoa al 15 dicembre 2020.

Tutti gli aggiornamenti sui nostri canali social e qui  http:///www.filmfestival.bz.it 

 

 

 

(archivio)

Intermezzo è il nome che il team del BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN ha scelto per una piccola e speciale edizione dal 17 al 20 novembre con parti del programma che erano previste per la scorsa edizione del festival, purtroppo annullata ad aprile a causa del COVID-19.

Il programma autunnale, oltre a diversi highlights, prevede la proiezione di film, corti e documentari legati prevalentemente al territorio in diversi modi: come produzione, locations o contenuto.

Inoltre i concorsi:

Premio GIURIA STUDENTI EUREGIO

Nominati sono:

SOLE di Carlo Sironi

IM NIEMANDSLAND di Florian Aigner

CRESCENDO #makemusicnotwar di Dror Zahavi

AL SHAFAQ – Wenn der Himmel sich spaltet di Esen Işik.

GOLDEN WALTHER AWARD

Nominati sono:

MATERNAL di Laura Delpero

LUCA + SILVANA di Stefano Lisci

NARZISS UND GOLDMUND di Stefan Ruzowitzky

CRESCENDO #makemusicnotwar di Dror Zahavi

Premio speciale Dolomiti UNESCO

Nominati sono:

IL PASSO DELL’ACQUA di Antonio Di Biase

SICHERHEIT 123 di Julia Gutweniger e Florian Kofler

ALPGEISTER di Walter Steffen

+++

Fuori concorso:

RETURN von Martin Telser

DER TAUCHER von Günther Schwaiger
BFFB Intermezzo offre una piattaforma anche ai filmmakers della regione nella sezione „Local Artists corti“:

CONNECTING di Stefan Ghedina

VULNERABLE von Valentina Bagnis

SHORT CUTS FROM A TOWN di Thomas Perathoner

JUNGE UND MÄDCHEN di Christoph Waldboth

DER KLEINE COWBOY di Lisa Maria Kerschbaumer

DRACUL di Cobo

SIE LEHRTE NUR EINEN WINTER di Luis Walter

SIEGFRIED STEGER ATTENTÄTER di Mike Ramsauer

THE RECEPTIONIST di Giuseppe Piva e KEIN HUND, KEINE KAMERA, KEIN LICHT di Gerd Weigel nella sezione Racconti Local Plus 2.

BFFB Intermezzo avrà luogo dal 17 al 20 novembre, nelle sale del Filmclub Bolzano.


Logo_Final Touch#5_GG

PLAKAT_Taucher_Plakat_A3_RZ_01(1)

Ilpassodellacqua_02_72dpi

Il passo dell’acqua di Antonio Di Biaase

Filmstill123

Sicherheit 123 di Julia Gutweniger e Florian Kofler

08_Alpgeister

Alpgeister di Walter Steffen

 

bffb34#smart

Quando succedono cose particolari, bisogna trovare le soluzioni particolari per adeguarsi e/o risolverle. Così, adesso che per un po’ di tempo sicuramente non potremmo goderci con voi il nostro festival del cinema, privati come siamo dalla possibilità di incontrarci, andare al cinema, passare tempo insieme ai nostri affezionati spettatori, abbiamo deciso di regalarvi gratuitamente, la visione di alcuni film che erano previsti nel nostro programma del festival 2020.

Iniziamo con lo streaming online di „Der Taucher“ di Günther Schwaiger, che avevamo inserito in concorso alla 34esima edizione del festival e che avrebbe dovuto iniziare lo scorso 21 aprile.

Ringraziamo ALPERIA per il sostegno.

DER TAUCHER primo lungometraggio del documentarista austriaco Günter Schwaiger, già in passato al festival con Ibiza Occident, ci riporta ancora una volta nell’idilliaca isola del mediterraneo, ma questa volta per raccontare un trauma: il rapporto tra la viennese Irina e la giovane figlia diciottenne Lena viene mandato in crisi da un ex  che compare sulla scena.

Collegandovi al link Vimeo: DER TAUCHER

Inserite la password: DERTAUCHER_BFFBOZEN1

Qui trovate un’intervista radio all’autore di Julia Mitterlehner; tema: femminicidio e dietro le quinte del film.

Chi è Günther Schwaiger?

Nato a Salisburgo, Austria, ha studiato teatro ed etnologia a Vienna, per poi lavorare prima a Roma e Milano e poi trasferirsi in Spagna all’inizio degli anni ’90 per diventare filmmaker e produttore.

I suoi corti e documentari hanno ricevuto diversi riconoscimenti internazionali.

THE DIVER INSIDE (DER TAUCHER) è il suo primo film di finzione.

Günter Schwaiger è membro dell’EFA, European Film Academy, oltre che di quella austriaca e spagnola.

FILMOGRAFIA:

2019 – THE DIVER INSIDE (DER TAUCHER) – lungometreaggio, 94min

2015 – SEIT DIE WELT WELT IST – docu, 94min

2013 – MARTAS KOFFER – docu, 76min.

2011 – IBIZA OCCIDENT  – docu, 93min.

2009:   ARENA – docu, 107min.

2007:   HAFNERS PARADIES – docu, 76min.

2005:  DER MORD VON SANTA CRUZ, 66min.

2001: DER AUSFLUG – corto, 17min.

POWERED BY

8.ALP_Logo_CO_M

Alex Brendemühl, Dominic Marcus Singer @Robert Staudinger

Julia Franz Richter Franziska Weisz@Robert Staudinger

Julia Franz Richter, Dominic Marcus Singer@Robert Staudinger

Günter Schwaiger_@Robert Staudinger

Bolzano Film Festival Bozen 2020: annullato

Annullata la 34a edizione di Bolzano Film Festival Bozen

Domani, martedì 21 aprile 2020. Tutta l’elettricità che si porta dietro l’inaugurazione di un festival del cinema, nell’aria. Il tappeto rosso sarebbe già stato srotolato davanti al cinema. Gli ospiti avrebbero già iniziato ad arrivare e a riunirsi nel foyer per partecipare all’inaugurazione della 34esima edizione di Bolzano Film festival Bozen. Risate, felicità, emozioni, curiosità e chiacchiere sarebbero risuonate davanti al Filmclub, in via Streiter, nel pieno centro di Bolzano.

Purtroppo tutto questo non sarà possibile. L’emergenza Coronavirus e le conseguenti disposizioni, ci vedono costretti ad annullare la prossima edizione del festival, inizialmente prevista tra il 21 e il 26 aprile, poi spostata (eravamo ottimisti!) al 9 giugno 2020 e ora definitivamente cancellata. Non vi è infatti ancora alcuna conferma che si potranno organizzare manifestazioni culturali già prima dell’estate.

Così, molto a malincuore, la direttrice del festival, Helene Christanell: “Abbiamo lavorato tutti con impegno ed entusiasmo a questa 34esima edizione del festival: il programma era già pronto e ora ci dispiace moltissimo non poterlo condividere con i nostri ospiti e spettatori. Soprattutto in tempi così difficili, ci pesa ancora di più non avere la possibilità di vivere in comune un programma culturale anche fisicamente, con le persone attorno a noi. Sottolineo ad esempio l’importanza di condividere un film in una sala piena di pubblico, e percepire e sentire, alla fine, le reazioni della gente. Sono proprio l’esperienza comune e lo scambio di opinioni dopo una proiezione, l’essenza di un festival e uno dei motivi per cui amiamo così tanto il cinema. E lo streaming non può sostituire queste sensazioni, di cui un festival vive e si alimenta”.

Nonostante non ci sarà un’edizione anche solo digitale della  34esima edizione di Bolzano Film festival Bozen, il festival non rimanda al 2021, comunichiamo invece che stiamo lavorando ad un alternativo programma-sorpresa per il prossimo autunno.

HeleneChristanell_Festivalleiterin

Bolzano Film Festival 2019

Foto: Manuela Tessaro

Nuove date!

L’emergenza Coronavirus e le conseguenti disposizioni, con cui stiamo facendo i conti anche in Alto Adige, ci vedono a malincuore costretti a posticipare la prossima edizione del festival, che era prevista tra il 21 e il 26 aprile.

La 34esima edizione di Bolzano Film Festival Bozen inizierà martedì 9 giugno e terminerà domenica 14 giugno 2020.

Da sempre, il nostro festival del cinema vive, oltre che del programma, degli incontri e degli scambi tra le persone: spettatori, attori, filmmakers, giornalisti e tutti i nostri ospiti e interessati sia locali che internazionali, senza dei quali il festival non potrebbe esistere. Perché questi incontri, ricchi di emozioni e contenuti, spunti e ispirazione, avvengano di nuovo, abbiamo deciso  di non rischiare di perderli mantenendo una data troppo vicina all’emergenza che stiamo vivendo.

Per tutti i membri del nostro team lo spostamento in avanti delle date del festival è stata una decisione sofferta, ma condivisa e necessaria, presa anche con la consapevolezza che questa modifica così in corso d’opera e a poche settimane dall’inizio previsto, comporterà per tutt* noi una impegnativa riprogrammazione di ogni singolo dettaglio, compresa la ridefinizione di tutti gli accordi presi con ogni singolo interlocutore: partner, sponsor, istituzioni, distributori, agenzie, filmmakers, giurie, ospiti,  media, ecc.

Confidando nel fatto che possiate comprendere i motivi di tale decisione e a disposizione per ogni ulteriore informazione, Vi chiediamo gentilmente di annotare le nuove date di Bolzano Film festival Bozen nel Vostro calendario.

Cercansi volontari

Ti piace il cinema? Allora cerchiamo proprio te: vieni ad aiutarci al festival

Il Bolzano Film Festival Bozen, principale appuntamento in Alto Adige con le cinematografie di Italia, Svizzera, Austria e Germania apre il bando per registrare i volontari della 34a edizione che si svolgerà dal 09. al 14 giugno 2020.
Faranno parte del festival gli incontri con registi e autori, masterclass, appuntamenti di approfondimento, attività per il pubblico e momenti di festa che coinvolgeranno la città.

Offriamo, oltre all’entrata gratuita a tutte le proiezioni ed eventi del festival, la possibilità di stare in un ambiente vivo e stimolante dove conoscere il mondo del cinema e i suoi attori dall’interno.

Se sei studente o un semplice appassionato di cinema e ti piacerebbe creare con noi il Bolzano Film Festival Bozen, ti stiamo aspettando!

P.s. 1 Se parli bene l’inglese – we are looking for english native speakers for our international festival guests!

P.s. 2 Se parli ceco – you are welcome! Quest’anno la repubblica ceca sarà il nostro ospite nella rassegna “Focus Europa”.

Potrai collaborare in diversi settori:

  • accoglienza ospiti
  • biglietteria e accrediti
  • assistenza in sala
  • infopoint
  • distribuzione materiale promozionale
  • allestimenti e disallestimenti
  • supporto al Social Media team
  • fotografi/videomaker

Come fare?

Scrivici entro maggio 2020 una breve email: office(at)filmfestival.bz.it

I lungometraggi in concorso

 

Punto cruciale del festival che dal 1987 regala una settimana di cinema di qualità all’Alto Adige, sono i concorsi. I film e documentari scelti ogni anno per i sei concorsi,  sono lo specchio delle tendenze dei filmmakers e rispecchiamo le novità, le percezioni, i cambiamenti nel mondo cinematografico locale e dei paesi confinanti con l’Italia, ammessi ai concorsi, quali Austria, Svizzera e Germania. Sempre molto attento a cogliere soprattutto lo sguardo non convenzionale di giovani registi e registe alla loro opera prima, Bolzano Film Festival Bozen, darà ancora una volta, tra il prossimo 09 e il 14 giugno 2020, il meglio possibile di una scelta tra oltre 150 opere pervenute.  Scelta non facile, che speriamo anche nella 34esima edizione, pubblico ed addetti ai lavori apprezzino.

Questi sono i otto film fiction in concorso:

 Al-Shafaq – Wenn der Himmel sich spaltet

di Esen Işik

Al-Shafaq_A2_Serie_4

Der Taucher

di Günther Schwaiger

PLAKAT_Taucher_Plakat_A3_RZ_01

 Fiore gemello

di Laura Luchetti

locandinafioregemello

Es gilt das gesprochene Wort

di Ilker Ҫatak

Es_gilt_das_gesprochene_Wort_-_Poster

Maternal

di Maura Delpero

maternal

Mein Ende. Dein Anfang. (Relativity)

di Mariko Minoguchi

REL_Poster_EN_02

Sole

di Carlo Sironi

SOLE-ArtworkPoster28x40_HI

 Waren einmal Revoluzzer

di Johanna Moder

revoluzzer

I documentari in concorso

 

Punto cruciale del festival che dal 1987 regala una settimana di cinema di qualità all’Alto Adige, sono i concorsi. I film e documentari scelti ogni anno per i sei concorsi,  sono lo specchio delle tendenze dei filmmakers e rispecchiamo le novità, le percezioni, i cambiamenti nel mondo cinematografico locale e dei paesi confinanti con l’Italia, ammessi ai concorsi, quali Austria, Svizzera e Germania. Sempre molto attento a cogliere soprattutto lo sguardo non convenzionale di giovani registi e registe alla loro opera prima, Bolzano Film Festival Bozen, darà ancora una volta, tra il prossimo 21 e il 26 aprile 2020, il meglio possibile di una scelta tra oltre 150 opere pervenute.  Scelta non facile, che speriamo anche nella 34esima edizione, pubblico ed addetti ai lavori apprezzino.

Ecco i 8 documentari in concorso:

 

the valley

The Valley, Nuno Escudeiro (IT/FR)

never whistle alone

 Never Whistle Alone, Marco Ferrari (IT)

sicherheit123

Sicherheit 123, Julia Gutweniger und Florian Kofler (AT/IT)

space dogs

 Space Dogs, Elsa Kremser, Levin Peter (DE/AT)

dohnal-plakat

 Die Dohnal, Sabine Derflinger (AT)

lost in face

Lost in face, Valentin Riedl (DE)

imspiegel

 Im Spiegel, Matthias Affolter (CH)

untilwereturn-1

 Until we return, Martin Telser (IT/UK)

preview 2020

Con un incremento quasi del 10% rispetto all’anno  passato e registrando più volte il tutto esaurito,  si è conclusa lo scorso aprile la 33esima edizione  del Bolzano Film Festival Bozen: 5.700 persone hanno condiviso con noi sei ricche giornate di cinema di  qualità, preziosi incontri e grandi emozioni.
Particolarmente apprezzato il programma dal pubblico, che ha valutato con 4 (su 5) stelle oltre l’80% delle  proiezioni. Un successo mai visto prima, sia per quanto riguarda la scena cinematografica internazionale  che quella locale, cui il festival, con diverse finestre  e rassegne, dedica sempre più ampio spazio.  “Una selezione meravigliosa di documentari, con molti film di cui abbiamo discusso” è stato uno dei commenti della giuria studenti Euregio, entusiasta, così come i molti altri giovani presenti, della qualità e dell’atmosfera.  Due nuovi premi, il premio Dolomiti UNESCO e il  Golden Walther Award hanno accresciuto il flair  della scorsa edizione.

Programm & Wettbewerbe / Il festival premia lungometraggi e documentari
Preis für den besten Spielfilm / Premio al miglior film

Preis für den besten Dokumentarfilm / Premio al miglior documentario

Publikumspreis für den besten Spiel- oder Dokumentarfilm / Premio del pubblico al miglior film o documentario

Preis der Euregio Schülerjury / Premio della giuria studenti Euregio

Ehrenpreis für eine herausragende Filmkarriere / Premio d’onore alla carriera

Golden Walther Award Spezialpreis

„Dolomiten UNESCO Weltnaturerbe“ / Premio speciale „Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO“

Filmpreis „grenzen-los“ der Autonomen Provinz Bozen-Südtirol und des Landes Burgenland / Premio “senza confini“ della Provincia autonoma di Bolzano e Burgenland (Austria). Tutte le info qui!

FINAL TOUCH #5  Das Branchenangebot für junge Filmschaffende /  l’offerta formativa per giovani filmmakers

FOCUS EUROPA Ein europäisches Gastland / un paese europeo ospite

LOCAL ARTISTS Die Plattform für Südtiroler Filmschaffende / la finestra sui cineasti altoatesini

MADE IN SÜDTIROL Das Fenster für in Südtirol gedrehte und geförderte Filme /   la finestra sul cinema girato in Alto Adige

Workshop & Speed Dating Spielstätten in ganz Südtirol / locations di proiezione in tutto l’Alto Adige

Begegnungen mit Filmschaffenden / dialoghi con esperti del settore

Talente fördern – Promoviamo talenti

Junge Talente fördern ist uns seit Jahren ein Anliegen. 2019 konnten wir dies um ein neues Projekt gemeinsam mit dem Konservatorium Claudio Monteverdi von Bozen und IDM Südtirol Alto Adige erweitern: Unter dem Titel „Re-Sounding Movies in 5.1“ entwickelten Studenten des Konservatoriums, begleitet vom Professor für Elektronische Musik Gustavo Adolfo Delgado, den Sound bzw. die Musik für Kurzfilme. Für die Ausgabe 2020 wird diese Zusammenarbeit fortgesetzt. Für neun Schülerinnen und Schüler aus den drei Teilen der Europaregion Tirol-Südtirol-Trentino wird es 2020 wiederum die Möglichkeit geben, in der EUREGIO-Schülerjury mitzuwirken und „eine Woche voller wertvoller Erfahrungen [und] verschiedenster Eindrücke …“ zu erleben – wie es einer Schüler der Euregio-Jury formuliert hat.
Das Branchenprogramm Final Touch geht in die fünfte Runde. Das gemeinsam mit IDM Südtirol Alto Adige entwickelte Programm unterstützt junge Filmemacher bei der Fertigstellung ihrer Projekte. Zudem wird 2020 ein Preis vergeben, der aus der seit vielen Jahren bestehenden Kulturpartnerschaft zwischen Südtirol und dem Burgenland entstanden ist: die Preisträger des Kurzfilmpreises mit dem Titel „grenzen-los“ werden in Bozen und im Offenen Haus Oberwart (Burgenland) gezeigt.
Uno degli obiettivi del festival è sostenere giovani talenti e creare loro possibilità di carriera nel mondo del cinema. Anche quest’anno ad esempio, giovani musicisti sono stati accompagnati dal professore e compositore Gustavo Adolfo Delgado in un percorso
formativo finalizzato ad insegnare loro come comporre la musica per il  cinema. „Re-Sounding Movies in 5.1,  il progetto organizzato insieme al Conservatorio Claudio Monteverdi di Bolzano e IDM Südtirol Alto Adige, nel 2019 ha portato i giovani alla spazializzazione nel sound design. Una collaborazione di successo che si ripeterà anche nel 2020, cosi come la giuria studenti EUREGIO, che porterà nuovamente i giovani ad avvicinarsi, con workshop e nell’intensa atmosfera del festival, al mondo del cinema. Nel 2020 ci sarà anche la quinta edizione di FINAL TOUCH: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS, l’offerta formativa per giovani filmmakers che, in collaborazione con IDM Südtirol Alto Adige, sostiene la messa a punto finale dei loro lavori.

Focus Europa

Das Gastland in unserer Reihe Focus  Europa wird 2020 Tschechien sein. In Zusammenarbeit mit dem Czech Film Center und in Anwesenheit von tschechischen Filmschaffenden stellen wir das vielfältige Filmland Tschechien in den Fokus, das eine reiche Filmhistorie aufweist.

Sarà il cinema della Repubblica ceca, insieme a diversi suoi filmmakers, il protagonista di Focus Europa 2020, la finestra sul cinema di un Paese europeo, ogni anni diverso, ospite del festival. La rassegna, organizzata in collaborazione con il Czech Film Center prevede la proiezione  di varie opere di registi cechi,  discussioni con il pubblico ed altri  preziosi momenti di incontro.

Teilnahmen

Alle Infos und Termine zu Filmeinreichungen,  den Bewerbungen für die Euregio-Schülerjury und die Teilnahme an FINAL TOUCH #5 finden Sie ab Oktober 2019 unter www. filmfestival.bz.it
Tutte le informazioni per l’invio delle opere, per candidarsi nella giuria studenti Euregio, per partecipare all’offerta formativa FINAL TOUCH #5 saranno online su www. filmfestival.bz.it a partire da ottobre 2019.

Local artists

Una scelta tra le più significative e attuali produzioni di filmmakers locali è il nocciolo di Local artists, la finestra sul cinema locale che ogni anno con-ferma quanto l’Alto Adige sia una terra di talenti anche in campo cinematogra-fico. Il 2020 presterà particolare atten-zione al lavoro della regista originaria della Val Venosta, ma cittadina del mondo, Carmen Tartarotti.

MT0_6015

MT0_6041

MT1_0462

MT0_2191

La giuria studenti 2019

 

Citazioni “best jury ever” 🙂

Frayo:

„ein Perspektivenwechsel – von der Seite der Bewerteten auf die Seite der Bewertenden.“

Thomas:

„Hier beim Film Festival kommt wirklich alles zusammen, sogar solch verrückte Jugendliche, wie wir von der Schüler-Jury.“

Julius:

Ein Film ist wie ein Bild, nur wer in ihn eintaucht und sich tiefgründig damit befasst, vermag den Film in all seinen Facetten zu erfassen.”

Nadine:

„Eine Woche voller wertvoller Erfahrungen, verschiedenster Eindrücke, ein Zusammentreffen der Kulturen und wer hätte es gedacht – Filme.”

Medea:

„Nächstes Jahr wieder?“

Florian:

„Fünf intensive, schlafarme Tage sind vorüber. Nur Weltfrauen und Weltmänner.“

Alessandro:

„ È incredibile come anche un film non bellissimo possa dare il via a lunghissime discussione ed approfondimenti.“

MT0_4670

I film premiati 2019

I vincitori della 33esima edizione di BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN

(9-14 aprile2019)

Premio Provincia autonoma di Bolzano al miglior lungometraggio
La giuria internazionale composta da Inge Mauerer-Klesel, Barbara Schweizerhof e Mohammed Soudani ha deciso di premiare

Das schönste Paar di Sven Taddiken come miglior film

Di seguito le motivazioni della giuria:

Con una fantastica e precisa sceneggiatura e con dei attori credibile il film racconta la difficoltà della coppia di sopravvivere dopo uno stupro. Con elegante sensibilità e convinzione ci trascina e ci fa entra in questa mondo.

 

Menzione speciale della giuria a Ciro D’Emilio per il film “Un giorno all’improvviso” con la seguente motivazione:

Il film ci trasporta a scoprire l’universo di una mamma fragile e il figlio precoce che combattano gli ostacoli che gli rende la vita in un mondo che non gli fa sconti! Il film e scritto con sensibilitá, va in profondo, assolutamente realistico e credibile. 

Premio Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano al miglior documentario
La giuria internazionale composta da Johann Moser, Gabreile Röthemeyer e Alessandro Scillitani ha deciso di premiare BECOMING ME della regista Martine de Biasi come miglior documentario.

Di seguito le motivazioni della giuria:

Una selezione meravigliosa di documentari, con molti film di cui abbiamo discusso, ma abbiamo unanimemente deciso di premiare un film, per la forza della storia e delle immagini, incredibilmente coerenti in 10 anni di lavoro. Una storia personale e politica, senza voyeurismo e senza pregiudizio.

Premio del pubblico Città di Bolzano
Il pubblico in sala ha votato per: BECOMING ME di Martine De Biasi

 

Premio giuria studenti Euregio (Tirolo, Alto Adige e Trentino):
Il premio assegnato dalla giuria studenti, composta da: Alessandro Callin Tambosi, Liceo scientifico Leonardo da Vinci, Trento, Frayo Gelmini, Franziskanergymnasium Bozen, Nadine Gleirscher, Ferrarischule Innsbruck, Florian Steiner, Medienkolleg Innsbruck, Thomas Sutti, Medienkolleg Innsbruck, Davide Toldo, Liceo linguistico “S.M. Scholl”, Trento, Sara Weithaler, FOS für Wirtschaft, Grafik und Kommunikation, Brixen, Julius Wiemann Raffeiner, Realgymnasium „Albert Einstein“, Meran, Medea Zingerle, FOS für Wirtschaft, Grafik und Kommunikation, Brixen, va a:

Un giorno all’improvviso“ di Ciro D’Emilio

Di seguito le motivazioni della giuria:
In modo molto originale, dopo soli 30 minuti il film riesce a catturare lo spettatore dal punto di vista emozionale. Questo grazie all’evoluzione interiore dei personaggi principali e in particolare alla rappresentazione ricca di sfaccettature del rapporto fra madre e figlio.

Lo spettatore vive da vicino la prospettiva di Antonio, con tutti i suoi alti e bassi.  L’avere saputo creare una tale atmosfera è uno dei motivi principali per cui abbiamo scelto proprio questo film.

La struttura delle singole scene  e una  messa in scena del tutto realistica supportano l’atmosfera in modo autentico e assolutamente valido. La simbologia usata appare sempre appropriata ed inserita in modo coerente nel film. Inoltre Il primo lungometraggio di Ciro D’Emilio dispone di un ottimo cast. Dopo un’attenta e intensa analisi, per noi, la Giuria giovanile dell’Euregio, è un vero piacere poter conferire il premio al film “Un giorno all’improvviso”.
Il film premiato rientrerà poi nel futuro programma scolastico KINO & SCHULE e sarà presentato in varie scuole di Bolzano, Innsbruck e Trento in presenza del/della regista, con la moderazione in sala fatta dei ragazzi stessi.

 

Riconoscimento FINAL TOUCH #3. Intense feedback from experts:

Il FINAL TOUCH Cine Chromatix Italy Post-Production Prize va al progetto: „Soldaten weinen nicht“ di Jannis Lenz

 

Premio Dolomiti UNESCO:

La giuria della Fondazione Dolomiti UNESCO, composta da Roland Dellagiacoma, Ingrid Beikircher (Landesleitung AVS), Claudio Sartori (CAI-Alto Adige) assegna il Premio Speciale dedicato alle Dolomiti UNESCO al film Il mangiatore di pietre di Nicola Bellucci

 

 

Premio Golden  Walther Award:

Il premio di Walther Park Bolzano –Bozen viene assegnato a „Der Trafikant“ di Nikolaus Leytner

Apertura 2019

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Tedesco.

I lungometraggi in concorso

Informazioni qui

adam&evelyn

Adam und Evelyn, Andreas Goldstein

cronofobia

Cronofobia, Francesco Rizzi

dasschönste paar

Das schönste Paar, Sven Taddicken

ilmangiatoredipietre

Il mangiatore di pietre, Nicola Bellucci

Joy

Joy, Sudabeth Mortezai

Lysis

Lysis, Rick Ostermann

ungiorno

Un giorno all’improvviso, Ciro D’Emilio

zerschlagmeinherz

Zerschlag mein Herz, Alexandra Makarová

Hanno detto di noi 2018

“Il festival si conferma occasione d’incontro tra culture, lingue e generi diversi e dedica uno spazio alle colonne sonore dei film”.
Cinema & Video international

“Freundschaft ist etwas Schönes (…) das Bolzano Film Festival und das Landshuter Kurzfilmfestival haben Freundschaft geschlossen. Wir freuen uns sehr über diese schöne Zusammenarbeit”.
19. Landshuter Kurzfilmfestival 2018 Zeitung

“Die kommende Ausgabe des Film Festival Bozen hat einige Neuerungen im Gepäck. Es dauert einen Tag länger und wird um ein spezielles Kurzfilmprogramm erweitert”.
Südtiroler Tageszeitung

“Die österreichische Schauspielerin Birgit Minichmayr zählt zu den besten und exzessivsten Mimen ihrer Generation. das Bolzano film Festival Bozen eröffnet mit ihr (…)”.
Dolomiten

“Un programma decisamente ricco (…) con un ventaglio di proposte cinematografiche veramente variegato e sfaccettato”.
quotidiano Alto Adige

“Il Filmfestival si allunga e apre alla musica da film”.
quotidiano Alto Adige

“Ogni anno il Filmfestival offre qualche novità”.
quotidiano Alto Adige

“(…) il festival è nato e cresciuto per abbattere i confini culturali e linguistici”.
quotidiano Alto Adige

“Ma il Bolzano Film Festival Bozen non è solo cinema in concorso”.
quotidiano Alto Adige

“Man schaut gerne hin und verbringt Zeit mit Typen, die man vielleicht selbst nie treten wird, aber Kino ermöglicht dies”.
Dolomiten

“Gratulation den Programmierern und Programmiererinnen des Film Festival Bozen zu dieser Auswahl – und es ist noch viel mehr zu entdecken”.
Dolomiten

“Liebe, Familie, Katastrophen…”
Dolomiten

“Das Film Festival Bozen zeigt immer hochwertigere Produktionen”.
FF

“Al di là dei premi, di questa 32esima edizione che si concluderà oggi ( …) resteranno soprattutto la conferma che il pubblico c’è e che apprezza questa formula (…) e il fatto che la rassegna esplora sì la cinematografia di quattro paesi limitrofi (Italia, Austria, Germania e Svizzera) ma esplora anche altri mondi, capace com’è di portare all’attenzione mondi veri non solo cinematografici”.
quotidiano Alto Adige

“Applausi meritati”.
quotidiano Alto Adige

“(…) la kermesse, da sempre punto d’incontro tra nord e il sud, tra cinema dei Paesi germanofoni e italiano, si è confermata ancora una volta uno degli eventi a cui la città resta più affezionata da decenni”.
Corriere della sera – Alto Adige

“Mit Autorenkino par excellence aus Italien, ¨Osterreich, Deutschland und der Schweiz bringt es (das Festival) jährlichen bisschen Glamour nache Bozen, im wesentlichen jedoch konzentriert es sich auf das, worum es in Kino geht: Filme”.
südtiroler Tageszeitung

“Europäische Verwirrungen”.
Dolomiten

“Mit 60 aktuellen Spiel, Dokumentar- und Kurzfilmen aus fünf europäischen Ländern, zahlreichen prominenten Gästen und einem umfangreichen Rahmenprogramm mit Diskussionen, Publikumsgesprächen und Branchenevents verspricht das 5 tägige Film Festival Bozen alles, was das Kinoherz begehrt”.
südtiroler Tageszeitung

„Zugänglich und sympathisch waren die Festivalgäste dieses Jahr alle: Hübner, Minichmayr, Hochmair, Miroslav Nemec und der Peter Mitterrutzner sowieso. Das Festival war sehr nah bei den Leuten, dort sollte es bleiben. Ausverkaufte Vorstellungen waren für die Draußen Gebliebenen der einzige Wermutstropfen. Ausverkaufte Säle sind ein gutes Zeichen für ein Festival. Mehr als voll besetzt waren auch so manche Projektionen außerhalb.“ Südtiroler Tageszeitung

_DPI9992

 

 

preview 2019

La 32esima edizione di Bolzano Film Festival Bozen (10–15 aprile 2018) ha visto la proiezione di  65 film, circa 5.500 presenze, un ricco programma di contorno e offerte formative per studenti,  musicisti, giovani filmmakers: questo a testimoniare che il ruolo del festival non è solo mostrare,  ma anche creare cinema. La risonanza mediatica, grazie anche ai numerosi ospiti internazionali che hanno preso parte al festival, è stata grande. Per la prossima edizione del festival, che si svolgerà  dal 9 al 14 aprile 2019, abbiamo in mente di continuare a proporre un festival giovane, multiculturale  e formativo, con tanti ospiti internazionali.

IL FESTIVAL PREMIA LUNGOMETRAGGI E DOCUMENTARI 

premio al miglior film

premio al miglior documentario

premio del pubblico al miglior film o documentario

premio della giuria studenti Euregio

premio d’onore alla carriera

FINAL TOUCH #4  l’offerta formativa per giovani filmmakers

FOCUS EUROPA un paese europeo ospite

LOCAL ARTISTS la finestra sui cineasti altoatesini

MADE IN SÜDTIROL la finestra sul cinema girato in Alto Adige

CAMPUS. INDUSTRY MEETS FESTIVAL Workshop & Speed Dating

Noi promoviamo talenti!

„Film gets ahead with Music“ è il nome del nuovo progetto di quest’anno: giovani musicisti  sono stati accompagnati da professionisti del mondo della musica (come il professore e compositore svedese Johan Ramström) in un percorso formativo finalizzato ad insegnare loro come comporre la musica per i film. Organizzato insieme al Conservatorio Claudio Monteverdi di Bolzano e IDM Südtirol Alto Adige, il progetto ha portato in sala cinque cortometraggi musicati dai ragazzi. Il 2019 sarà dedicato alla spazializzazione nel sound design. Anche la prossima edizione del festival avrà una giuria studenti EUREGIO. Scopo di questo progetto è nuovamente avvicinare i ragazzi al mondo del cinema nell’intensa atmosfera del festival. Anche nel 2019 si ripete FINAL TOUCH: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS, l’offerta formativa per giovani filmmakers che, in collaborazione con IDM Südtirol Alto Adige, sostiene la messa a punto finale dei loro lavori.

Focus Europa

Focus Europa: un Paese europeo ospite del festival si conferma anche per il 2019: il prossimo anno sarà quello dell’Ungheria, di cui verrà mostrato il meglio della produzione cinematografica. La finestra comprenderà la proiezione di vari lavori di registi ungheresi, che verranno  in Alto Adige e con cui verrà organizzato un dialogo con
il pubblico. Il cinema dell’Ungheria, uno dei più floridi
d’Europa tra la fine della Prima guerra mondiale e la fine della Seconda – e oggi nuova meta per le produzioni cinematografiche – si è sempre distinto per opere di rilievo: nel 2016 “Il figlio di Saul” di László Nemes ha vinto l’Oscar come miglior film straniero, mentre nel 2017, “Corpo e Anima”, scritto e diretto da Ildikó Enyedi, ha vinto la Berlinale.

_DSC1655

_DPI1577

_DPI9993

_DSC0052

Bolzano Filmfestival ospite del Filmfest di Monaco di Baviera

Bolzano Filmfestival ospite del Filmfest di Monaco di Baviera

La direttrice del Bolzano Film Festival Bozen, Helene Christanell, ed il suo team hanno dato il benvenuto – nell’ambito della 36esima edizione del Filmfest di Monaco di Baviera – a più di 100 ospiti internazionali (attori, registi, giornalisti e filmmakers), che hanno partecipato all’ormai tradizionale incontro che Bolzano Film Festival Bozen organizza ogni anno durante il prestigioso festival del cinema tedesco.

All’evento hanno preso parte, oltre alla direttrice del festival di Monaco, Diana Iljine – che ha definito il piccolo rinfresco di Bolzano Film Festival Bozen: “uno dei più simpatici qui al Filmfest di Monaco” – , anche vari membri e direttori di festival partner di Bolzano Film Festival Bozen, quali ad esempio Markus Aicher (Musikfilmtage Oberaudorf), Mike Wiedemann (Kinofest Lünen), Michael Orth e Birgit Horn (Kurzfilmfestival Landshut) e i sudtirolesi Philipp J. Pamer, Verena Buratti, Krista Posch, Martin Thaler, Anton Algrang e Katja Lechthaler.

L’incontro, organizzato dal Bolzano Film Festival Bozen già da più di dieci anni è stato nuovamente un successo ed una preziosa occasione di scambio di informazioni tra filmmakers internazionali ed addetti ai festival del cinema provenienti da tutta Europa.

Nella stessa giornata, il team del Bolzano Film Festival Bozen ha poi preso parte, presso il Museo delle Alpi e della montagna della città bavarese, ad un incontro che ha coinvolto rappresentanti di 25 festival bavaresi, stabilendo importanti nuovi contatti per future collaborazioni con Bolzano.

La prossima edizione del festival si svolgerà dal 9 al 15 aprile 2019.

 

 

La premiazione 2018

Premio Provincia autonoma di Bolzano al miglior lungometraggio
La giuria internazionale composta da Renate Wurm, Sarah Franzosini e Carlos Gerstenhauer ha deciso di premiare:
A CIAMBRA di Jonas Carpignano come miglior film

Di seguito le motivazioni della giuria:

Il premio per il miglior film va a A CIAMBRA di Jonas Carpignano.

“A Ciambra” è una straordinaria esperienza di romanzo di formazione, una storia di innocenza perduta costruita su una sottile linea rossa fra il cinema di finzione e il documentario. Il ritratto di un universo umano emarginato, autentico e scalcagnato in cui giganteggia il piccolo 14enne, anti-eroe inquieto Pio. Il regista Jonas Carpignano supera gli steccati della retorica sollevando quegli interrogativi morali che – specie in questa fase storica – tendiamo colpevolmente a trascurare. Con rispetto e dignità i realizzatori del film raffigurano il mondo degli ultimi a Gioia Tauro, mettendoci a parte delle loro speranze, paure e dei loro sogni.

Premio Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano al miglior documentario
La giuria internazionale composta da Daniela Cecchin, Nela Märki e Klaus Schaefer ha deciso di premiare WILDES HERZ del regista Charly Hübner come miglior documentario.

Di seguito le motivazioni della giuria:

Lo spunto per il documentario “Wildes Herz“ di Charly Hübner e Sebastian Schultz è costituito dal modo di vivere e dal disorientamento che provano gli abitanti del Meclenburgo-Pomerania (regione della Germania nord-orientale) che devono spesso combattere con la sensazione che provano della loro marginalità e con razzismo e xenofobia imperanti. Gli autori seguono con notevole empatia il cantante del gruppo „FEINE SAHNE FISCHFILET“ nella sua evoluzione da bambino iperattivo a hooligan radicale ad antifascista militante ed infine ad attivista contro neonazisti e razzisti. Il montaggio particolarmente riuscito ci porta nell’intimo della vita e del pensiero del protagonista. A questi nel film viene contrapposta la vita interiore dei suoi genitori, che hanno naturalmente sofferto per un figlio così ribelle, che però allo stesso tempo non hanno mai rinunciato ad amarlo profondamente. Ne è risultato un film che grazie a riprese efficaci e a un coerente approccio drammaturgico di base colpisce e commuove lo spettatore. Il realismo che contraddistingue il film non ci toglie in ogni caso la speranza che le tendenze razziste possano essere a lungo termine superate grazie a un impegno civile determinato e coraggioso.

 

Premio del pubblico Città di Bolzano

Il pubblico in sala ha votato per: “Mario” di Mario Gisler

 

Premio giuria studenti Euregio (Tirolo, Alto Adige e Trentino)
Il film vincitore assegnato dalla giuria studenti, composta da:

Irene Fellin, Rocco Ruperti e Giorgio Torta (Trentino), Tobias Gruber, Julia Weiss e Thomas Tschenett (Alto Adige), con i due tutor esperti Arnold Schnötzinger e Werther Ceccon è:

“Es war einmal Indianerland“ di Ilker Catak

Di seguito le motivazioni della giuria:

Come giuria degli studenti, abbiamo deciso di premiare il film che ha avuto il coraggio di osare in ogni suo aspetto: nel ritmo, nel montaggio, nella messinscena e nei personaggi. Seppur a volte esagerando il regista è riuscito a far emergere la propria visione e a trattare problemi molto reali e vicini a noi giovani in modo totalmente originale e, in un certo senso, spiazzante. Ci ha colpito, in particolare, l´inserimento di episodi comici, grotteschi e perfino surreali in un contesto tragico, che non stonavano mai con la narrazione e con il tono del film. In breve, per il suo spirito libero, giocoso, quasi anarchico, noi vogliamo premiare… ‘’Es war einmal Indianerland’’.

Il film premiato rientrerà poi nel futuro programma scolastico KINO & SCHULE e sarà presentato in varie scuole di Bolzano, Innsbruck e Trento in presenza del/della regista, con la moderazione in sala fatta dei ragazzi stessi.

FINAL TOUCH #3. Intense feedback from experts

Nel programma FINAL TOUCH sono stati attribuiti i seguenti premi:

 

Il FINAL TOUCH ARRI media pots-production prize è stato attribuito a: DIE LETZTEN ÖSTERREICHER VON KÖNIGSFELD di Lukas Pitscheider

 

Il TRUE COLORS International Distribution Prize a: TO THE NIGHT di Peter Brunner

 

I film vincitori verranno proiettati domenica 15 aprile 2018 con i seguenti orari:

ore 15.30 Uhr, Capitol 2
Premio del pubblico Città di Bolzano
MARIO von Marcel Gisler

ore 18.30 Uhr, Filmclub Club 3
Premio giuria studenti Euregio
ES WAR EINMAL INDIANERLAND von/di Ilker Catak

ore 20.00 Uhr, Capitol 1
Premio Provincia di Bolzano
A CIAMBRA von/di Jonas Carpignano

ore 20.45 Uhr, Filmclub Club 3
Premio Fondazione Cassa di Risparmio
WILDES HERZ von/di Charly Hübner

…e ancora la prossima settimana lunedì martedì, mercoledì (Capitol 1, Capitol 2, Club 3): www.filmclub.it

  _DSC1648

_DSC1655

_DSC1697

_DPI1416

_DSC1839

_DSC1614  _DSC1624

_DSC1816

Verena Marisa in concert

 

Verena Marisa_Theremin2_0K3A2615©Ralf Dombrowski_preview

Verena Marisa, maestra nel suonare il theremin, è stata più volte premiata per il suo lavoro con il particolare strumento elettronico. La compositrice tedesco-brasiliana, che da sempre osa nella sperimentazione, si è guadagnata un posto speciale nel panorama musicale internazionale. Diplomata a Monaco di Baviera in musica classica, per film e jazz, nel 2015 fonda ed è responsabile di CLÆNG, dove suona violino e theremin.

Nota per avere composto la musica per la serie tedesca Tatort, a Bolzano Film Festival Bozen è ospite in doppia veste di compositrice di musica per film e concertista. Il concerto che terrà nell’ambito del festival è frutto della collaborazione tra Bolzano Film Festival Bozen e il Jazzfestival.

L’entrata è gratuita.

Freitag/venerdì, 13. 04.│17.00

Konservatorium C. Monteverdi, Dominikaner Platz 19

Conservatorio C. Monteverdi, Piazza Domenicani 19

Hommage Charly Hübner

Classe 1972, Charly Hübner è un corpulento multitalento tedesco: solo nel 2005 ha girato ben 17 film! Non solo attore in numerosi film e commedie, ma anche regista e pluripremiato interprete di generi tra i più diversi tra loro, è cresciuto in un paesino della ex DDR e poi si è trasferito Berlino, La sua principale attività nel mondo del cinema è quella di interprete e tra i lavori più interessanti possiamo citare la partecipazione nel film “3 Tage in Quiberon” (2018) di Emily Atef dove ha interpretato la parte di Robert Lebeck. Nel 2007 ha inoltre lavorato con Sophie Allet-Coche per la realizzazione del film
“Litigi di cioccolato”, dove ha i terpretato la parte di Heinz Volkert. Vincitore di numerosi premi (Grimme-Preis, Bayerischer Filmpreis, Goldene Kamera, Bambi). Charli Hübner è ospite al festival dove viene  celebrato con un omaggio alla sua dirompente carriera, anche alla premiazione del festival. Porta con se i suoi film “Wildes Herz” e “Magical Mystery”.

Plakat

Birgit Minichmayr

 

Ospite d’onore del prossimo Bolzano Film Festival Bozen

L’attrice austriaca, che risulta tra le più eclettiche e migliori interpreti della sua generazione, inaugura il 10 aprile, con il film “Tiere”, la 32esima edizione di BFFB. 

Attrice teatrale, attrice cinematografica e cantante austriaca, vincitrice dell’Orso d’argento per la migliore attrice nel 2009 per l’intenso “Alle Anderen” di Maren Ade, Birgit Minichmayr, 41enne il prossimo 3 aprile, nel mondo del cinema è finora stata interprete di diversi interessanti lavori, tra i quali possiamo citare oltre ai precedenti, la partecipazione nel film “3 Tage in Quiberon” (2018) di Emily Atef dove ha interpretato la parte di Hilde Fritsch, la migliore amica di Romy Schneider.

Nel 2009 ha lavorato con Wolfgang Murnberger per la realizzazione del film “The Bone Man” dove ha interpretato la parte di Birgit. Notevole anche il suo ruolo ne “Il nastro bianco” di Michael Haneke. Ancora, nel 2005, in “Il Profumo – Storia di un assassino” di Tom Tykwers,  ha ben interpretato la madre del protagonista. Impegnata da anni in diversi teatri tra cui il Wiener Burgtheater, il Münchner Residenztheater, il Volkstheater di Berlino e la Schauspielhaus di Amburgo, l’attrice austriaca  ha ricevuto vari riconoscimenti e risulta essere anche molto amata dal pubblico (Premio austriaco Romy).

A Bolzano Birgit Minichmayr sarà presente con due film: oltre a “Tiere” che inaugura il festival (e per il quale saranno in sala anche il regista Greg Zglinski e il protagonista maschile Philipp Hochmair), sarà proiettato anche “Alle Anderen”. Di seguito le informazioni su entrambi i film.

Presentato nella sezione dei film di fiction dei 53.esimi Solothurner Filmtage (Giornate di Soletta), “Tiere”(Animals) di Greg Zglinski – coproduzione tra Svizzera, Austria e Polonia, è un film dalla narrazione complessa:  il continuo alternarsi di realtà parallele, con la labilità progressiva dei confini tra realtà e sogno, sanità e follia ricordano Shining e L’inquilino del terzo piano in un film che tiene sempre alto il livello della tensione e dell’inquietudine.

“Alle anderen” invece, racconta la storia di Gitti e Chris, coppia mal assortita che si è imposta di passare una vacanza in tête à tête. Scopriamo due esseri che si comportano come se ognuno di loro fosse da solo: piccoli rituali individuali, manie e desideri inappagati. L’incontro con un’altra coppia, apparentemente senza importanza, destabilizzerà il loro rapporto.

Durante la sua presenza a Bolzano, Birgit Minichmayr sarà anche insignita del Premio speciale alla carriera del festival, da parte di un/a rappresentante dell’Azienda di Soggiorno e Turismo della città di Bolzano (mercoledì 11 aprile, in occasione della proiezione del film “ Alle Anderen”), oltre che protagonista di una lettura a teatro – organizzata con la collaborazione delle Vereinigte Bühnen Bozen -, di stralci tratti da “Il diario di una signora di New York” di Dorothy Parker (il 9 aprile).

20171113170257_high_tiere-presse-1

Lucio Rosa – Rassegna

I miei film, documenti per le generazioni future

“Servono cuore, cervello e fisico  per fare questo lavoro. Bisogna portare zaini e attrezzatura molto pesanti e avere tanta fantasia”.

Lucio Rosa, vive e lavora tra Bolzano e Venezia, sua città natale. Sono centinaia i suoi lavori, tra documentari, reportage fotografici, programmi televisivi, che hanno ottenuto anche numerosi riconoscimenti a livello internazionale.

Delle sue produzioni, Rosa cura ogni fase: sceneggiatura, redazione dei testi, regia, fotografia, montaggio. Inizia a fotografare da bambino, poi, siamo negli anni ’70, su incarico delle Nazioni Unite, realizza reportages fotografici e cinematografici sulle problematiche dei Paesi del Sud del mondo. Qui nasce il suo amore per l’Africa, che visiterà in continuazione, raccontandola nei suoi documentari, tre dei quali sono in visione al festival.

Lucio Rosa, un documentarista che ha registrato i grandi avvenimenti del mondo,  un grande viaggiatore,  come è nata la tua passione per l’Africa? 

“L’uomo è nato in Africa, cioè noi siamo nati in Africa e questo fin da giovane mi ha spinto a cercare, in questo grande Continente, chi siamo. Negli anni Settanta sono stato convocato a Roma da alcune Agenzie della Nazioni Unite, che mi hanno chiesto di fare documentazioni fotografiche e cinematografiche su diversi progetti che loro finanziavano e sulla situazione di alcuni Paesi africani. Sono stato in Etiopia, Niger, Leshoto, Mali, Libia, Egitto, Eritrea, ecc. ho fatto poi film etnografici, sui Pigmei del Congo, in Etiopia e in Libia, recentemente. Ho conosciuto l’Africa da dentro, i problemi che la sua gente vive tutti i giorni, raccontato il presente e il passato di questa terra, delle sue genti e culture uniche, alcune delle quali oggi a rischio di estinzione”.

Della Libia parla anche una mostra, con 30 tue fotografie, una sezione del tuo omaggio al festival, visibile ora alla Galleria Fotoforum di Via Weggenstein, a Bolzano, che porterai poi anche a Tripoli. 

“Sì, Tripoli è nel mio cuore, amo la Libia da 25 anni, quando ero lì per le prime volte, un amore che poi è diventato un film, che ha ricevuto già 13 riconoscimenti nel mondo, “Il segno sulla pietra”- Il Sahara sconosciuto degli uomini senza nome.”. Il deserto è una cosa magica, c’è chi lo soffre, chi come me lo vive molto bene: trovarsi davanti a pitture rupestri di 15.000 anni fa non può che colpirti il cuore. Ho fatto ben 24 film sull’Africa, anche piccoli, piccoli. In due missioni che ho fatto ad esempio con Anna in Etiopia, ho conosciuto la gente delle tribù della Valle dell’Omo, era tre anni fa che ho fatto il mio ultimo lavoro in Etiopia. Ora mi manca un po’ l’Africa, ci sono stato per anni anche due volte l’anno. Ma io non faccio viaggi corti, solo lunghi, devo conoscere in profondità e adesso la situazione lì è un po’ complicata. Per il “Segno sulla pietra” ci sono stato 92 giorni in due momenti, il secondo nel 2005, quando ho potuto filmare il ritorno delle piogge in Libia”.

Il lavoro di viaggiatore-documentarista ti ha richiesto anche molti sforzi fisici..

“Eccome. Ad esempio quello sui pigmei Babinga, che stanno al nel Congo Brazzaville, al confine col Centro Africa. Eravamo 4, più 15 portatori, 250 chili di materiale, tra cui 60 chili di pellicole, in rulli da 120 metri. Il viaggio, una parte in piroga, nel fiume nerissimo, poi 60 chilometri a piedi nell’acqua, sotto le piccole piogge (per fortuna non c’erano le grandi…) e i moscerini che invadevano costantemente gli occhi; da mangiare solo scatolette e riso. Senza lampade, solo con i fuochi, in accampamenti mobili, filmavamo tutto il giorno. La foresta pluviale distrugge più del deserto: un’umidità che non finisce più. Con i piccoli uomini sono rimasto 65 giorni, era il 1987: ho documentato gli ultimi istanti di un mondo che va a sparire e sono contento che Piero Angela abbia fatto la prefazione del mio film. Era lo stesso anno in cui feci, come giornalista la mia prima Parigi-Dakar.”

Sì, per fare questo lavoro, ci vuole decisamente  fisico.

Lucio  - ARRIFLEX  SR2-Babinga

I corti!

Evviva i corti!

“I lungometraggi li sanno (quasi) fare tutti, ma sono i corti la vera arte”!

Uguale se buffi, tragici o scurrili, tanto sono anche subito spariti…., così definisce i corti Michael Orth, direttore artistico del festival internazionale di corti di Landshut (Germania), nostro partner per il programma di corti dell’edizione 2018. “Corti in trasferta” – saranno 100 i minuti di corti che vedremo ad aprile al festival, presi tra gli highlights dell’edizione 2018 ( 14-19 marzo prossimi) del rinomato festival bavarese che negli anni si è distinto per la diffusione di questo interessante genere cinematografico.

La collaborazione tra BFFB e il Kurzfilmfestival Landshut è salutata con orgoglio da Helene Christanell, direttrice di BFFB che sottolinea come : ” il festival abbia sempre prestato particolare attenzione ai corti, spesso il primo strumento di un cineasta di fare vedere le sue capacità e sviluppare il suo linguaggio cinematografico verso il pubblico, per questo siamo emozionati e curiosi di questi “Corti in trasferta“.

Birgit Horn, organisatorische Leiterin Landshuter Kurzfilmfestival; Martin Kaufmann, Programmleiter Bolzano Film Festival Bozen, Helene Christanell, Festivalleiterin Bolzano Film Festival Bozen; Michael Orth, künstlerischer Leiter Landshuter Kurzfilmfestival

Birgit Horn, organisatorische Leiterin Landshuter Kurzfilmfestival; Martin Kaufmann, Programmleiter Bolzano Film Festival Bozen, Helene Christanell, Festivalleiterin Bolzano Film Festival Bozen; Michael Orth, künstlerischer Leiter Landshuter Kurzfilmfestival.

Lucio Rosa

Il mondo nel cuore

Lucio Rosa, artista poliedrico, veneziano d’origine, ormai naturalizzato bolzanino,grande viaggiatore ed, etnografo ha documentato con storie, film ed immagini – con oltre 150 produzioni! – i suoi viaggi avventurosi nel mondo, soprattutto in Africa. Importante testimone dei tempi, che raccontiamo attraverso il nostro festival, con quattro documentari.

Kebra Negast – Gloria dei Re”, parte da un antico testo etiope e racconta diffusione del Cristianesimo  dalla valle del Nilo,  su cui si sono fondati stato, società e civiltà di quello che fu l‘unico regno Cristiano d‘Africa.

Babinga, piccoli uomini della foresta”, narra dei pigmei Babinga, piccoli uomini della foresta equatoriale africana.

Il segno sulla pietra” documenta la storia millenaria del Sahara e racconta di un alternarsi di fasi climatiche estreme e di vicende di uomini che ebbero la ventura di scegliere quella terra come loro dimora.

Infine, “Mit den Augen eines mittelalterlichen Pilgers”, porta lo spettatore dentro l‘avventura delle crociate, da cui nacquero innumerevoli itinerari: una delle vie più frequentate percorreva la val Venosta, in Alto Adige, corridoio di transito per i pellegrini che venivano dal nord della Germania, diretti a Venezia, verso la Terra Santa.

lucio rosa lucio rosa 3 libia_qsar-al-haj_foto-lucio-rosa

I film e documentari in concorso

Le due giurie internazionali, ognuna composta da tre persone, che giudicheranno il miglior lungometraggio e il miglior documentario della  prossima 32esima edizione di Bolzano Film Festival Bozen sono così composte:

Premio al miglior documentario (sostenuto dalla Cassa di Risparmio di Bolzano): Klaus Schaefer (per decenni capo del FFF –  FilmFernsehFonds Bayern), Nela Märki (montaggio), Daniela Cecchin (Filmfestival della Lessinia).

Premio al miglior lungometraggio(sostenuto dalla Provincia autonoma di Bolzano): Carlos Gerstenhauer (Direttore dela sezione film del BR – Bayrischer Rundfunk ), Sarah Franzosini (giornalista di Salto.bz), Andrea Schramek (attrice e sceneggiatrice).

In totale, dal 10 al 15 aprile prossimi saranno in programma al festival circa 65 tra corti, documentari lungometraggi, non solo in concorso, ma in diverse sezuioni specifiche del festival, a creare un programma variegato e sfaccettato.

Di seguito la lista di chi si contenderà i due premi delle giurie di esperti.

 

I film in concorso:

DREI ZINNEN (Tre cime) di Jan Zabeil, regista berlinese che ambienta nelle Alpi italiane un dramma famigliare a sfondo giallo;

ES WAR EINMAL INDIANERLAND di Ilker Catak , che racconta le vicissitudini del diciassettenne Mauser;

CHI SALVERÀ LE ROSE, firmato dal regista Cesare Furesi, una delicata storia di una famiglia arcobaleno ante litteram che si troverà ad appianare attriti e incomprensioni;

A CIAMBRA, di Jonas Carpignano, storia della piccola comunità Rom nei pressi di Gioia Tauro;

L’ ANIMALE, di Katharina Mückstein, che racconta le vicessitudini della studentessa diciottenne Mati e della sua cricca di motocross;

L’ETÀ IMPERFETTA, di Ulisse Lendaro , storia della diciassettenne Camilla, che sogna di diventare ballerina;

MARIO, del regista svizzero Marcel Gisler: una storia d’amore tra calciatori professionisti;
SOMMERHÄUSER
, di Sonia Maria Kröner, che ci racconta come, nel corso dell’estate del 1976, un cortile di famiglia condiviso diventa il set di situazioni tragicomiche.

 

I documentari in concorso sono:

DIE FÜNFTE HIMMELSRICHTUNG, del giovane regista sudtirolese Martin Prinoth, storia familiare che parte dal 1 giugno 2009, quando un aereo passeggeri si schiantò nell’Oceano Atlantico;

MABACHER – #UNGEBROCHEN dell’austriaco Stefan Wolner, resoconto di un’appassionata testimonianza di come si possono oltrepassare i propri limiti fisici;

DAS VERSUNKENE DORF di Georg Lembergh e Hansjörg Stecher, racconto della terribile tragedia che si abbatté su Curon e Resia nel 1950 quando, a causa della costruzione della diga di Resia, i due villaggi furono sommersi dalle acque;

HAPPY WINTER di Giovanni Totaro, resoconto di un’estate, quella del 2016, sulla spiaggia di Mondello, vicino a Palermo;

LA BOTTA GROSSA di Sandro Baldoni, un documentario che racconta dei 40mila sfollati vittime del terremoto che colpì Norcia il 30 ottobre 2016;

THE POETESS di  Stefanie Brockhaus e Andi Wolf, biografia di Hissa Hilal, una poetessa e attivista quarantatreenne dell’Arabia Saudita;

WILDES HERZ di Charly Hübner e Sebastian Schulz, su una delle punkband più famose della Germania, i Feine Sahne Fischfilet;

WILLKOMMEN IN DER SCHWEIZ della regista Sabine Gisiger , documentario sui 40.000 profughi che nell’estate del 2015 riescono a varcare i confini della Svizzera e la reazione di un piccolo paesino alla situazione.

 

Entrambi i concorsi hanno come unico vincolo di selezione la provenienza dei lavori da uno dei seguenti Paesi dell’arco alpino: Italia, Germania, Svizzera e Austria, ​in un’alternanza tra lingua italiana e lingua tedesca tipiche del nostro territorio di confine, ​mentre non vi è un tema filo conduttore per le opere scelte.

green

 

accredito ospiti

 

Qui  puoi accreditarti online al festival, hai tempo fino al 20 marzo 2018. Il prezzo dell’accredito è di 20 Euro che si possono pagare al momento del ritiro presso l’Infopoint del festival. L’accredito da la possibilità di prendere parte a tutte le proiezioni, agli eventi e alle manifestazioni collaterali del festival.

_topAAA5830

nome

cognome

organizzazione

attività

tel

indirizzo e-mail

data di oggi



Giuria studenti Euregio

COSA

La Giuria studenti Euregio premia il migliore fra cinque film e documentari destinati ad un pubblico giovane.

CHI

La giuria è composta da nove studentesse/studenti delle quarte classi degli Istituti superiori: tre provengono dall’Alto Adige, tre dal Trentino, tre dal Tirolo.

QUANDO

In occasione della 32a edizione di Bolzano Film Festival Bozen dal 10 al 15 aprile 2018.

COME

Studenti e studentesse interessati/e a partecipare all’iniziativa dovranno presentare le loro domande, compilando l’apposito modulo, entro il 20 febbraio 2018. Ulteriori informazioni qui.

PERCHE’

Scopo principale del progetto è quello di avvicinare i giovani al mondo del cinema d’autore. L’attività di giurati in un contesto bilingue

– avrà luogo nell’atmosfera vivace e piena di impulsi di un festival internazionale del cinema

– verrà seguita da due tutor esperti

– consentirà loro di lavorare assieme ad altri studenti delle tre regioni dell’Euregio.

I candidati prescelti verranno dispensati dalle lezioni per l’intera durata del Festival e il periodo passato come giurati consentirà loro di fare domanda per ottenere dei crediti formativi da aggiungere al curriculum scolastico.

[wpdevart_youtube]VQB2UaEJSCE[/wpdevart_youtube]
20171214_221451_resized_1

Auguri di Buon Natale da Bolzano Film Festival Bozen ed alcune delle novità 2018

Cogliamo l’occasione di augurarVi Buon Natale e un felice 2018, nel quale, dal 10 al 15 aprile, si svolgerà la 32esima edizione di Bolzano Film Festival Bozen, con un giorno in più di cinema  – inauguriamo già di martedì! –  e una novità: il festival ha appena ottenuto la certificazione GREEN EVENT dall’Agenzia provinciale per l’ambiente per il 2018.

Un traguardo importante, iniziato lo scorso anno con la certificazione going green event, che per il 2018 si è trasformata in green event, ovvero il festival è ora una manifestazione ecosostenibile a tutti gli effetti. I punti cardine perché un evento sia considerato tale sono:  l’utilizzo di prodotti ecologici, l’efficienza energetica, la corretta gestione dei rifiuti, la valorizzazione dei prodotti locali, la responsabilità sociale e la mobilità verde. Se da sempre il nostro festival si comporta in maniera eco-compatibile, ora diviene ufficialmente un evento sostenibile che non solo contribuisce a tutelare l’ambiente, ma è un vantaggio in termini di marketing anche per i partner.

 

Buon Natale Vi augura di cuore il team del festival Helene Christanell, Martin Kaufmann, Antonella Arseni, Alma Vallazza, Angelika König, Dorothea Vieider

green

140826_GreenEvent_logo_100_cmyk (002)-page-001

Call for film projects

FINAL TOUCH #3: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS è un’offerta settoriale di altissimo livello. L’obiettivo è sostenere giovani filmmakers nel perfezionamento dei rispettivi film e documentari per il cinema.

La Film Commision dell’Alto Adige e Bolzano Film Festival Bozen offrono quindi ai giovani filmmaker la chance di dare un ultimo tocco al proprio progetto nel corso di un colloquio confidenziale con un team interdisciplinare di esperti e di discutere i parametri individuali per far esordire con successo il proprio film.

Gli esperti ad offrire la loro consulenza durante i workshop 2018 sono: Nikolaj Nikitin e Sergio Fant (settore Filmfestival), Evi Romen (settore montaggio), Catia Rossi (settore distribuzione), Angela Reedwisch (settore postproduzione), Birgit Oberkofler (settore fondi di finanziamento).

Oltre all’assegnazione del ARRI Media post-production prize ad un progetto che ha colpito in modo particolare gli esperti quest’ anno viene assegnato anche il TRUE COLOURS international distribution prize.

iscrizioni fino al: 31/01/2018
organizzato da: IDM Südtirol – Alto Adige& Bolzano Film Festival Bozen
quando & dove: 12 – 14 aprile 2018 (i workshop si svolgeranno durante il festival a Bolzano)

Tutte le informazioni per le candidature potete trovarle qui.

News

Internazionale, ma unico nel suo dialogo privilegiato tra il Nord e il Sud, tra tedesco ed italiano, dopo avere consolidato con la scorsa edizione, molti nuovi progetti, Bolzano Film festival Bozen si appresta a portare avanti le novità nella prossima edizione, con uno sguardo speciale alla musica nei film e a regalare giornate speciali anche per la prossima edizione, prevista dal 10 al 15 aprile 2018. E per tutte le novità che bollono in pentola, abbiamo deciso di fare durare il festival un giorno in più, inaugurando un giorno prima del tradizionale mercoledì sera.

CINQUE CONCORSI E PREMI E TRE GIURIE INTERNAZIONALI
premio al miglior film
premio al miglior documentario
premio del pubblico al miglior film o documentario
premio della giuria studenti Euregio al miglior film o documentario
premio d’onore alla carriera

FINAL TOUCH  l’offerta formativa per giovani filmmakers

FOCUS EUROPA un paese europeo ospite. Un Paese europeo ospite del festival si conferma anche per il 2018 come punto fermo nel programma e, se il 2017 è stato l’anno del Lussenburgo, il prossimo sarà quello della Lituania, di cui, durante le cinque giornate di festival, verrà mostrato il meglio della produzione cinematografica recente e raccontata la storia, attraverso ospiti presenti a Bolzano.

LOCAL ARTISTS la finestra sui cineasti altoatesini. Rassegna ormai di tradizione nel programma del festival, Local artists comprende una scelta tra le più attuali produzioni di filmmakers locali, a confermare che l’Alto Adige è una terra di talenti anche in campo cinematografico. Se il 2017 ha celebrato il lavoro della società di produzione Miramontefilm di Andreas Pichler e Valerio B. Moser, nel 2018 il festival porrà l’accento sui lavori del cineasta bolzanino Lucio Rosa.

MADE IN SÜDTIROL la finestra sul cinema girato sul territorio

CAMPUS. INDUSTRY MEETS FESTIVAL Workshop & Speed Dating

locations di proiezione in tutto l’Alto Adige

dialoghi con esperti del settore

Call for films

Ancora fino al 15 dicembre sono aperte le iscrizioni di film per il programma del festival 2018

Vengono ammessi nel programma lungometraggi che hanno la durata minima di 75 minuti e documentari con durata minima di 55 minuti. Le opere devono essere state prodotte nel corso del 2017 e nei seguenti Paesi: Italia, Germania, Svizzera ed Austria. Le opere inviate al festival da  filmmakers provenienti e/o residenti in Alto Adige non sottostanno a limitazioni di durata.

I creatori di opere con queste caratteristiche possono fare domanda di partecipazione al festival al più tardi entro il 15 dicembre 2017 e inviare le opere tramite DVD o apposito link. Leggi qui tutte le informazioni.

Il progetto di Final Touch#2 The Poetess approda a Locarno

FINAL TOUCH: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS, l’offerta settoriale di altissimo livello che ha l’obiettivo di sostenere giovani filmmakers nel perfezionamento dei rispettivi film e documentari per il cinema è un progetto, organizzato dalla Film Commission dell’Alto Adige e Bolzano Film Festival Bozen, che offre ai giovani filmmaker la chance di dare un ultimo tocco al proprio progetto nel corso di un colloquio confidenziale con un team interdisciplinare di esperti e di discutere i parametri individuali per far esordire con successo il proprio film.
Nel 2017 si è anche aggiunto il FINAL TOUCH ARRI Media post-production prize ad un progetto che ha colpito in modo particolare gli esperti, del valore di 5.000 Euro e che è stato assegnato al lavoro di Andreas Wolff e Stefanie Brockhaus, “Behind the Veil“ (Monaco).

Il documentario – che nel frattempo è stato finito e ha preso il nome definitivo di “The poetess”, racconta la vita di una poetessa 43enne dell’Arabia Saudita, che con la sua vita e il suo lavoro si oppone ai duri dettami patriarcali del suo popolo, rendendo la sua protesta pubblica attraverso la partecipazione al popolare show televisivo „Million’s Poet“ – approda tra pochi giorni alla Settimana della Critica del festival di Locarno, dove sarà presentato in prima mondiale.

Il team del festival si congratula con i registi Andreas Wolff e Stefanie Brockhaus per essere stati selezionati a Locarno con The poetess, un film alla cui riuscita ha contribuito anche Bolzano Film Festival Bozen!

Eco della stampa 2017

…una rassegna in crescita, capace di confrontare la propria vocazione di ponte tra Nord e Sud, di confronto fra la cinematografia dei Paesi tedescofoni e quella italiana, prezioso anello di una catena di rassegne internazionali che lavorano in sinergia. Fabio Zamboni, Bolzano Magazine 1/2017

[…] Bis heute haben sich die Bozner Filmtage dank der tatkräftigen Unterstützung seiner Sponsoren, aber vor allem dank der vielen, großteils ehrenamtlichen Mitarbeiter zu einem Filmfestival entwickelt, das dem internationalen Vergleich standhält. Zu verdanken ist das auch den erfolgreichen und langjährigen Festival-Managern, der Festivalleiterin Helene Christanell und dem Programmleiter Martin Kaufmann. Es gibt sogar ein Filmfestival-Hotel – nahe dem Veranstaltungsort in Bozen: Im historischen „Laurin“ treffen sich Stars und Sternchen. Dass das Filmfestival in Bozen von der in- und ausländischen Filmbranche und vom heimischen Publikum so geschätzt und geliebt wird, macht nicht nur sein Standort an der deutsch-italienischen Sprachgrenze aus, die eine spezielle mehrsprachige Mischung der Filme und Gäste begünstigt, sondern auch die ganz besondere Atmosphäre eines kleinen, überschaubaren Filmfestivals, in dem den Gästen inmitten einer wunderbaren (Urlaubs-)Landschaft viel Raum für Gespräche, Begegnungen und kulinarische Genüsse geboten wird. Metropol.News.de vom März 2017

Das Film Festival Bozen schaut nach vorn. Heuer ganz besonders. Und es schaut zurück. Beides Mal geht es darum, das Kino wieder zu finden. Allein ein Blick auf den Wettbewerb als prominenteste Sektion verrät, wie aufgeweckt die Filmtage sind. Heinrich Schwazer, Neue Südtiroler Tageszeitung, 05.04.17

„Es gibt doch kaum ein Filmfestival, wo man mit so vielen Leuten in Kontakt kommen kann. Meistens ist ein Festivalbetrieb sehr hektisch, sehr groß aufgezogen, man hat eigentlich wenig Möglichkeiten mit Filmemachern, mit Leuten aus der Branche zu sprechen. Das ist in Bozen sehr gut und sehr einfach möglich, bei schöner Umgebung und gutem Essen!“
Evi Romen, Editorin und Expertin im Final Touch Programm, Radio Rai Südtirol 08.04.2017

„Das Filmfestival ist essentiell für die Filmkultur, für mich ist das Filmfestival Sauerstoff. Nicht nur das Filmfestival, sondern das ganze Konzept des Filmclubs. Als ich 17, 18 Jahre alt war, also Mitte der 1980er Jahre war das gelebter Ausdruck einer zweisprachigen Kultur. Es sind deutschsprachige Filme gezeigt worden, es sind italienischsprachige Filme gezeigt worden, einzigartig in Südtirol“. Valerio Moser, Produzent Miramonte, Radio Rai Südtirol 08.04.2017

„Der Filmclub war für mich immer sehr wichtig, der einzige Ort in Südtirol, wo man Filmkunst sehen konnte, wo man Leidenschaft für das Kino entwickeln konnte. Ich habe interessanterweise auch im Filmclub meinen Zivildienst gemacht und war dann bei zwei Festivalausgaben ziemlich eng beteiligt. Das waren noch die Anfangsjahre, Ende der 80er Jahre – und diese Zeit hat sicher auch meine Leidenschaft fürs Kino, fürs Filmemachen geprägt.“ Andreas Pichler, Filmemacher Miramonte, Radio Rai Südtirol 08.04.17

Alla conferenza stampa al Laurin, assediato da telecamere e microfoni, Michele Placido ha commentato così il Premio alla Carriera che è venuto a ritirare: „Prendere un premio qui, al confine, mi ricorda il premio come miglior attore ricevuto tanti anni or sono alla Berlinale. Del resto sono sempre contento di ritornare a Bolzano. Pensate che i trentini si lamentano spesso con me perché preferisco l’Alto Adife alla loro provincia.“ Fabio Zamboni. Alto Adige 08.04.2017

„Natürlich freut es mich, dass man die Qualität meiner Arbeit schätzt, besonders hier, weil Bozen eine Grenzstadt ist und als Mittler zwischen Italien und Europa fungiert.“ Michele Placido, Dolomiten, 08.04.2017

Trentun anni e non mostrarli. La 31esima edizione del Bolzano film festival ha mantenuto la stessa freschezza dei primi aventurosi Bozner Filmtage, quando si contrabbandavano i film delle avanguardie europee per mostrarle anche a Bolzano. Corriere dell’Alto Adige, 09.04.17

Das Bozner Filmfestival und die Jurys bewiesen heuer jedenfalls ein Gespür für junge Talente … Keine Spur von der Dominanz alter männlicher Filmemacher, wie bei anderen Filmfestivals. Marian Wilhelm, Dolomiten, 11.04.17

„Jung, weiblich, unkonventionell: Es war ein Festival der Frauen, eines der Jugend, der mutigen Jurys und der hohen Qualität“ Renate Mumelter, Neue Südtiroler Tageszeitung, 11.04.17

Unter dem Titel „Bozen zu Ostern fast ausgebucht“ äußert sich Roberta Agosti, Direktorin des Verkehrsamtes erfreut über die gute Bettenauslastung und betont: „Vor allem das Filmfestival habe dem Tourismus in Bozen Anfang April in die Karten gespielt.“ stol.it vom 12.4 2017

This was BFFB 2017: Thank you!

I vincitori della 31esima edizione di BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN

Premio Provincia autonoma di Bolzano al miglior lungometraggio
DAS UNMÖGLICHE BILD di Sandra Wollner

menzione speciale per KATER di Händl Klaus

Premio Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano al miglior documentario
HAPPY della regista Carolin Genreith

menzione speciale per THE GOOD INTENTIONS di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber

Premio del pubblico Città di Bolzano
Die Geschwister di Markus Mörth

Premio giuria studenti Euregio (Tirolo, Alto Adige e Trentino)
LA RAGAZZA DEL MONDO di Marco Danieli.

Di seguito le motivazioni delle giurie:

Premio Provincia autonoma di Bolzano al miglior lungometraggio
“Raccontando con un linguaggio che appartiene a tutti noi, cioè la memoria e l’immaginario, e facendo anche una riflessione su come filmare una storia, il film premiato ci ha colpito in un modo particolare, facendoci anche riflettere. Come giurati, teniamo a citare questi tre frasi che si ritrovano alla fine del film:
«Forse immaginare qualcosa è come ricordarselo.
Solo con le immagini non si registra niente.
La memoria è così inaffidabile che potrebbe anche essere il futuro.»
Una menzione speciale della giuria va al film KATER di Händl Klaus: per l’osservazione del sentimento della fiducia e di ciò che accade quando questo sentimento viene tradito.”

Premio Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano al miglior documentario

Per la capacità di compiere un viaggio che è al tempo stesso, conoscenza di una cultura diversa e cambiamento di un punto di vista, non solo di protagonisti ma anche del pubblico, sorretto da una forte onestà intellettuale, e un raffinato gusto estetico, la giuria assegna il primo premio per il miglior documentario al film HAPPY di Carolin Genreith
La giuria assegna una menzione speciale al film The Good Intentions di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber: Uno sguardo lucido e spietato all’interno di una costellazione familiare di cinque persone dove si discute molto e si fuma anche di più, che grazie al film comincia a sgretolarsi e ad innescare un cambiamento.

Premio giuria studenti Euregio (Tirolo, Alto Adige e Trentino)

Il film vincitore assegnato dalla giuria studenti, composta da:
Chiara Bonoldi, Bolzano (Südtirol/Alto Adige), Elisa Leimgruber, Girlan (Südtirol/Alto Adige),
Greta Maurer, Bozen (Südtirol/Alto Adige), Davide Angeli, Trento (Trentino), Marco Filippo, Trento (Trentino), Giona Vettori, Trento (Trentino), Vanessa Egger, Kaprun (Salzburg), Greta Longariva, Innsbruck (Tirol), Irene Mallaun, See (Tirol) e seguita dai tutor esperti Arnold Schnötzinger e Werther Ceccon è:

LA RAGAZZA DEL MONDO di Marco Danieli.

“La nostra scelta premia un film che ci ha particolarmente coinvolti e che allo stesso tempo ha messo in atto un processo di consapevolezza che ci ha fatto riflettere. Un film che si batte per la libertà, la passione e i sentimenti autentici in contrapposizione ad una vita caratterizzata dalle ristrettezze di una esistenza quasi esclusivamente religiosa e da forti condizionamenti familiari. Un film contraddistinto da una narrazione profonda, da una convincente prova degli attori e da un alto grado di coinvolgimento emotivo con i dissidi interiori dei protagonisti. Per questo la scelta della Giuria giovanile dell’Euregio va al film “La ragazza del mondo“ di Marco Danieli.”

Andreas Pichler + Valerio B. Moser = Miramontefilm

 

 

„Es geht darum, das Kleine universal zu machen“

Die Filmemacher Andreas Pichler und Valerio B. Moser gründeten im Jahr 2005 die Bozner Produktionsfirma Miramontefilm. Beide kennen sich seit vielen Jahren, haben zusammen die Schule für Fernsehen und Film Zelig in Bozen im ersten Ausbildungszyklus Anfang der 1990er Jahre besucht und drehen, schreiben, produzieren seither mit Leidenschaft Dokumentarfilme für Kino und TV, im südtiroler aber auch im europäischen Kontext, gestalten Kunstprojekte, Werbefilme. Sie sind ein eingespieltes Team und kennen sich so gut wie ihre Westentasche. Tatsächlich? Andreas Pichler und Valerio B. Moser im Kreuzinterview mit Angelika König und Antonella Arseni

Andreas Pichler, Sie sind der Regisseur und Autor bei Miramonte, Valerio B. Moser kümmert sich um die Produktion. Was kann Valerio B. Moser gut? Was gar nicht?

Andreas Pichler: Was Valerio sehr gut kann, ist die Projekte von ihrer verwaltungstechnischen Seite zusammenzuhalten. Die Ziffern stimmen am Ende und er schaut darauf, dass wir am Ende gut dastehen. Wir hatten schon Projekte, wo sehr wenig Geld da war, und hier einen Partner zu haben, der weiß, wo er aufpassen muss, wie weit wir gehen können, das ist schon unheimlich wichtig. Als Gesprächspartner für Projekte ist er natürlich auch wichtig, im Vorfeld diskutieren wir viel. Was er nicht so gut kann, ist Rohschnitte zu beurteilen, finde ich. Im Vorfeld finde ich sein Feedback unheimlich wichtig, aber wenn es um Rohschnitte geht, dann kann ich nicht viel mit dem anfangen, was du mir sagst (lacht).

È Lei Valerio B. Moser, cosa dice di Andreas Pichler, dopo questa collaborazione che dura più di 15 anni?

Valerio B. Moser: Io sono contentissimo della regia, dello stile di regia di narrare argomenti anche molto complessi, con una correttezza che io ammiro molto. Andi cerca di arrivare al nocciolo della questione tenendosi il più fuori possibile e dandosi comunque un suo stile alla ricerca che fa. Cosa non mi piace è…che è molto leone. Lui apprezza l’ammirazione di tutto il mondo. A me invece mi piace avere gente che il nostro film non piace… Invece Andreas vuole un consenso universale per quello che fa.

Andreas Pichler:  Also ich komme nicht damit zurecht, wenn mich jemand kritisiert, meinst du?

Valerio B. Moser: Si, te la prendi troppo, si vede proprio che soffri.

Andreas Pichler, der rote Faden, der sich durch Ihre Filme zieht, sind gesellschaftliche Umbrüche wie auch der Umgang mit der Natur. Da sind z.B. „Call me Babylon“ aus dem Jahr 2003, „Die Lithium Revolution“, „Ausverkauf Europa“, Dokumentarfilme, die ausgezeichnet wurden, auch wegen der gründlichen Recherche. Welcher rote Faden zieht sich durch Valerios Projekte und Produktionen?

Andreas Pichler: Wir sind uns da relativ ähnlich, sonst wären wir wahrscheinlich nicht so lange zusammen. Aber Valerio hat eine besondere Sensibilität, wenn es um Zweisprachigkeit geht, um Interethnizität, um Minderheitenthemen. Das hat auch sicherlich mit seiner eigenen Geschichte zu tun, er ist zweisprachig aufgewachsen. Da merke ich immer, dass seine Augen anfangen zu leuchten, wenn es um diese Themen geht.

Valerio B. Moser, Sie haben Ende der 1990er Jahre den Film „Stichwort Zweisprachigkeit“ gedreht. Derzeit wird in Südtirol wieder viel über mehrsprachige Schulen diskutiert. Hat sich in der Diskussion etwas verändert, oder sind wir noch da, wo wir Ende der 1990er Jahre standen.

Valerio B. Moser: Ich glaube, wir stehen noch da, wo wir damals waren. Heute sehe ich die Diskussion aber etwas anders, aus einer anderen Warte, ich bin Vater und sehe das Schulsystem jetzt anders. Meiner Meinung nach ist es weniger ein Problem des Erlernens einer Sprache, als ein Problem der Erwartungshaltung der Eltern. Ich höre von enttäuschten Eltern, die ihre Kinder monolingual aufziehen, und sich wundern, wenn ihre Kinder in der vierten Grundschule noch kein deutsch sprechen. Es hängt weniger mit dem zusammen, was Kinder leisten, als vielmehr was sich Eltern erwarten. Zudem frage ich mich in dem Zusammenhang: Ist die zweite Sprache nur da, um sozial integriert zu sein, besser zu verdienen – oder gibt es auch andere Gründe?

In tutti questi anni di collaborazione, Valerio B. Moser, c’è un progetto, una produzione che Le sta più al cuore che altri?

Valerio B. Moser: Sicuramente la tematica del turismo di massa. È il primo film che abbiamo coprodotto, “Le mie tre cime” (“Meine drei Zinnen”), un approccio molto personale del regista, di Andreas Pichler, alla tematica. Ne racconta di uno sfruttamento di un monumento naturale come sono le tre cime, ed è un tema che si ripeta anche in “Teorema Venezia”. Un filo rosso.

Andreas Pichler: Ja, das “Venedig Prinzip” läuft heute noch in einigen Städten, ganze Gemeinderäte schauen sich den Film an, in Amsterdam, in Barcelona…weil das Thema Massentourismus in urbanen Räumen viele betrifft, und es nicht nur darum geht, soviel Geld wie möglich zu machen. Wenn du einmal eine Struktur zerstört hast, dann lässt sie sich auch nicht mehr herstellen. Das ist sicher ein zentrales Thema, das uns immer wieder beschäftigt. Wahrscheinlich weil wir hier aufgewachsen sind. Es ist zwar jetzt auch so, dass wir kleinere Werbefilme für die IDM machen, für Südtirol, aber das war auch ein größerer Prozess. Den Tourismus zu leugnen, oder zu sagen, den Tourismus wollen wir nicht, wäre ja utopisch. Ich bin jetzt viel in Südtirol unterwegs und der Reichtum, den wir haben, der wäre ohne Tourismus nicht möglich. Ich kenne viele tolle Projekte, alternative Projekte, die könnten alle nicht überleben, wenn es nicht den Tourismus gäbe. Und deshalb ist unser Blick jetzt auch differenzierter, es gibt Tourismus und Tourismus. Das habe ich gelernt, von „Meine drei Zinnen“, über „Venedig Prinzip“ zu heute.

Quale era il vostro progetto più difficile, dove era difficile trovare un consenso fra di voi, dove avete litigato?

Valerio B. Moser: Litigato, no, questo mai. Discussioni sì, ma litigato – mai. Io devo dire che i progetti più difficili erano quelli dove ho lavorato con registi che non erano Andreas. Erano quasi sempre progetti di low budget, di giovani registi, dove abbiamo fatto molti compromessi – e guadagnato quasi niente.

Andreas Pichler: Ja, das gehört auch zu unserer Unternehmensphilosophie. Es gibt meine Projekte, es gibt Valerios Projekte, es gibt unsere Projekte, aber es war immer schon ein Anliegen, anderen Filmemachern, südtiroler Filmemachern eine Plattform zu bieten, soweit es unsere Zeit zulässt. Wie z.B. der Film „Nadja & Svetla“ von Maura Delpero. Wir haben den Film sogar initiiert, über badanti, das war ein Film, wo es unglaublich schwierig war die nötigen Gelder aufzutreiben, niemand hat daran einen Cent verdient, das bisschen Geld ging dann in die Produktion. Aber wir fanden es wichtig, dass ein Film über die ausländischen Pflegerinnen gemacht wird. Dass so ein Film dann in Italien relativ gut lief und auch einige Preise gewonnen hat, das ist dann natürlich gut.

Ihr arbeitet ja viel im europäischen Kontext. Der jüngste Film, der in Kürze zu sehen sein wird heißt „Der vierte Kontinent“, über das Haus der Solidarität in Brixen. Dieser Film wird von Südtirol gefördert, aber auch von Deutschland koproduziert. Ist diese kleine Realität in Südtirol denn für den deutschen Filmmarkt interessant?

Andreas Pichler: Ja, die junge Produzentin Tanja … aus Leipzig ist sogar auf uns zugekommen, sie hatte in der Süddeutschen Zeitung einen Artikel darüber gelesen und fand das Haus, und wie es funktioniert, eine spannende Sache. Bei diesen Projekten geht es schlussendlich immer darum, dass man das Kleine universal macht. Es geht darum, dass man eine gute Geschichte erzählt, die über die Landesgrenzen hinausgeht. Das war immer unser Anspruch bei solchen Projekten. Das ist überhaupt das um und auf beim Dokumentarfilm, dass man gute Geschichten erzählt, die universal sind, jenseits des thematischen Interesses. Am Ende möchten wir gute Geschichten erzählen, vielleicht sogar bessere als in Spielfilmen (schmunzelt).

Tra 10 anni, come vi vedete? A che temi vi lancerete?

Valerio B. Moser: Io non sono un grande pianificatore, vado molto a vista. Però attualmente c`è un tema che ci interessa molto, ed è quello del pubblico e del privato. Che ruolo ha il pubblico oggi nella nostra società? Tutti ne parlano male, sono delusissimi di questi sistemi pubblici, come se fossero tutti dei ladri, dei criminali. Quindi questa grande crisi d’ identità del pubblico e quanto guadagna poi il privato di questa crisi, stiamo lavorando su un progetto in questa direzione…

Andreas Pichler: Grundsätzlich sind Dokumentarfilmer immer nach vorne gerichtet, also: Wo gehen wir hin, wie entwickelt sich unsere Gesellschaft? Was für ein Leben wollen wir? Diese Fragen stecken immer in all unseren Projekten. Themenmäßig ist das eine Linie, die wir verfolgen. Als Firma haben wir schon mehrere Phasen hinter uns. Wir haben begonnen, bevor es eine Filmförderung gab in Südtirol, da war es für uns immer essentiell im Netzwerk zu arbeiten, in europäischen Koproduktionen. Wir waren dann oft die kleinen Mitproduzenten, obwohl wir die Idee hatten. Aber wir hatten eben nur wenig Geld. Mit der Filmförderung geht das jetzt etwas besser. Wir hatten auch bereits Angestellte, Leute, die für uns gearbeitet haben, aber meistens waren wir zu zweit. Wir haben dann vor zwei Jahren beschlossen, dass wir nicht größer wachsen möchten. Valerio war das ein großes Anliegen, weil er vielleicht nicht so gerne delegiert (lacht)?

Valerio B. Moser: Nein, wegen der positiven Chemie…la chimica positiva di Miramonte è il lavoro a due. Ingrandirsi significherebbe portare altro capitale umano, perché noi due siamo già al limite. C’è stato un periodo dove cercavamo un possibile terzo socio però non ci convinceva, non siamo riusciti a trovare una terza persona che sia in grado di entrare in un nucleo a due già cosi consolidato. E poi sono anche un po’ fifone, non mi piacerebbe fare dei compromessi, fare delle cose per creare volume di soldi che non ne siamo poi tanto convinti.

Al filmfestival di Bolzano ci sarà uno spazio dedicato a voi, alla vostra ditta di produzione Miramonte, che è molto importante per L’ Alto Adige. I film che verranno progettati sono film degli primi anni della vostra ditta. Qual è vostro film documentario più preferito?

Andreas Pichler: Aus der Miramonte Produktion ist das sicherlich “Das Venedig Prinzip”, weil er mit einem unserer zentralen Themen, dem Tourismus, zu tun hat, weil er in Italien und außerhalb gut lief und beim Publikum gut angekommen ist. Darüber hinaus: Einer der Filme, der mich am stärksten geprägt hat ist „Le mepris“ von Jean Luc Godard. Godard überhaupt hat mich sehr geprägt, während meiner Studienzeit und auch jetzt als Filmemacher.

Valerio B. Moser: À me piacciono le commedie sinceramente. Mi piacciono anche i “Kammerspiele”, questi drammoni americani tipo il conflitto padre figlio, la gatta sul tetto che scotta, quello stile li. Anche la commedia britannica mi piace tantissimo, il mio attore preferito è Peter Sellers.

Das Kino hat in Italien eine große Tradition. In welche Richtung geht der italienische Film derzeit?

Andreas Pichler:  Ich arbeite derzeit an einem Film über “Baumi”, dem südtiroler Produzenten Karl Baumgartner, und dieser Film geht auch der Frage nach, in welche Richtung sich das Filmgeschehen, das Kino entwickelt, generell. Auf Italien bezogen ist es so, dass es extrem wenige Produktionen gibt, jetzt im Vergleich zu Deutschland. Aber diese sind sehr gut. Ich liebe Sorrentino, Garrone, das sind tolle Leute und ich glaube, das Feeling für das Kino ist in Italien sehr stark, das Handwerk ist gut. Aber die Produktionsstrukturen sind ein Desaster, darunter leiden auch wir als Produktionsfirma, weil es extrem schwierig ist, zu Geld zu kommen. Das ist eine echte Tragödie. Generell beobachte ich, und das ist vielleicht auch interessant für Bozen, dass sich die Festivallandschaft vom Publikum trennt. Meistens laufen die Preisträgerfilme von Festivals nicht gut im Kino – und das teilweise zu Recht, weil sie oft zu abgehoben, zu anstrengend sind.  Es gibt immer wieder tolle Ausnahmen, wie der deutsche Film Toni Erdmann z.B.. Aber ich finde die Diskrepanz zwischen den Filmen, die auf den großen Festivals laufen, und die dort Preise gewinnen und den Filmen, wo das Publikum hingeht immer größer. Die Deutschen sagen, dass Arthousefilme, also das was wir als gutes Kino bezeichnen, sehr schwierig sind, kein Publikum finden. Aber insgesamt sind die Zahlen im Kino super, die Leute gehen ins Kino, nur schauen sie sich eben andere Filme an. Da müssten die Produzenten mehr ans Publikum denken. Oder man macht das wie das Theater, man schaut gar nicht auf die Publikumszahlen und produziert für das Festival. Im Dokumentarfilmbereich ist es da etwas anders, der Dokumentarfilm war in Mitteleuropa noch nie so populär, wie im Moment.

Non farete mai un film fiction?

Valerio B. Moser: Dipende in che ruolo.

Andreas Pichler: Come attore?

Valerio B. Moser (lacht): La curiosità c’è! Come produttore no, questo no, ma come attore…

Grazie, Danke für das Gespräch!

„Es geht darum, das Kleine universal zu machen“

Die Filmemacher Andreas Pichler und Valerio B. Moser gründeten im Jahr 2005 die Bozner Produktionsfirma Miramontefilm. Beide kennen sich seit vielen Jahren, haben zusammen die Schule für Fernsehen und Film Zelig in Bozen im ersten Ausbildungszyklus Anfang der 1990er Jahre besucht und drehen, schreiben, produzieren seither mit Leidenschaft Dokumentarfilme für Kino und TV, im südtiroler aber auch im europäischen Kontext, gestalten Kunstprojekte, Werbefilme. Sie sind ein eingespieltes Team und kennen sich so gut wie ihre Westentasche. Tatsächlich? Andreas Pichler und Valerio B. Moser im Kreuzinterview mit Angelika König und Antonella Arseni für die Südtiroler Tageszeitung

Andreas Pichler, Sie sind der Regisseur und Autor bei Miramonte, Valerio B. Moser kümmert sich um die Produktion. Was kann Valerio B. Moser gut? Was gar nicht?

Andreas Pichler: Was Valerio sehr gut kann, ist die Projekte von ihrer verwaltungstechnischen Seite zusammenzuhalten. Die Ziffern stimmen am Ende und er schaut darauf, dass wir am Ende gut dastehen. Wir hatten schon Projekte, wo sehr wenig Geld da war, und hier einen Partner zu haben, der weiß, wo er aufpassen muss, wie weit wir gehen können, das ist schon unheimlich wichtig. Als Gesprächspartner für Projekte ist er natürlich auch wichtig, im Vorfeld diskutieren wir viel. Was er nicht so gut kann, ist Rohschnitte zu beurteilen, finde ich. Im Vorfeld finde ich sein Feedback unheimlich wichtig, aber wenn es um Rohschnitte geht, dann kann ich nicht viel mit dem anfangen, was du mir sagst (lacht).

È Lei Valerio B. Moser, cosa dice di Andreas Pichler, dopo questa collaborazione che dura più di 15 anni?

Valerio B. Moser: Io sono contentissimo della regia, dello stile di regia di narrare argomenti anche molto complessi, con una correttezza che io ammiro molto. Andi cerca di arrivare al nocciolo della questione tenendosi il più fuori possibile e dandosi comunque un suo stile alla ricerca che fa. Cosa non mi piace è…che è molto leone. Lui apprezza l’ammirazione di tutto il mondo. A me invece mi piace avere gente che il nostro film non piace… Invece Andreas vuole un consenso universale per quello che fa.

Andreas Pichler:  Also ich komme nicht damit zurecht, wenn mich jemand kritisiert, meinst du?

Valerio B. Moser: Si, te la prendi troppo, si vede proprio che soffri.

Andreas Pichler, der rote Faden, der sich durch Ihre Filme zieht, sind gesellschaftliche Umbrüche wie auch der Umgang mit der Natur. Da sind z.B. „Call me Babylon“ aus dem Jahr 2003, „Die Lithium Revolution“, „Ausverkauf Europa“, Dokumentarfilme, die ausgezeichnet wurden, auch wegen der gründlichen Recherche. Welcher rote Faden zieht sich durch Valerios Projekte und Produktionen?

Andreas Pichler: Wir sind uns da relativ ähnlich, sonst wären wir wahrscheinlich nicht so lange zusammen. Aber Valerio hat eine besondere Sensibilität, wenn es um Zweisprachigkeit geht, um Interethnizität, um Minderheitenthemen. Das hat auch sicherlich mit seiner eigenen Geschichte zu tun, er ist zweisprachig aufgewachsen. Da merke ich immer, dass seine Augen anfangen zu leuchten, wenn es um diese Themen geht.

Valerio B. Moser, Sie haben Ende der 1990er Jahre den Film „Stichwort Zweisprachigkeit“ gedreht. Derzeit wird in Südtirol wieder viel über mehrsprachige Schulen diskutiert. Hat sich in der Diskussion etwas verändert, oder sind wir noch da, wo wir Ende der 1990er Jahre standen.

Valerio B. Moser: Ich glaube, wir stehen noch da, wo wir damals waren. Heute sehe ich die Diskussion aber etwas anders, aus einer anderen Warte, ich bin Vater und sehe das Schulsystem jetzt anders. Meiner Meinung nach ist es weniger ein Problem des Erlernens einer Sprache, als ein Problem der Erwartungshaltung der Eltern. Ich höre von enttäuschten Eltern, die ihre Kinder monolingual aufziehen, und sich wundern, wenn ihre Kinder in der vierten Grundschule noch kein deutsch sprechen. Es hängt weniger mit dem zusammen, was Kinder leisten, als vielmehr was sich Eltern erwarten. Zudem frage ich mich in dem Zusammenhang: Ist die zweite Sprache nur da, um sozial integriert zu sein, besser zu verdienen – oder gibt es auch andere Gründe?

In tutti questi anni di collaborazione, Valerio B. Moser, c’è un progetto, una produzione che Le sta più al cuore che altri?

Valerio B. Moser: Sicuramente la tematica del turismo di massa. È il primo film che abbiamo coprodotto, “Le mie tre cime” (“Meine drei Zinnen”), un approccio molto personale del regista, di Andreas Pichler, alla tematica. Ne racconta di uno sfruttamento di un monumento naturale come sono le tre cime, ed è un tema che si ripeta anche in “Teorema Venezia”. Un filo rosso.

Andreas Pichler: Ja, das “Venedig Prinzip” läuft heute noch in einigen Städten, ganze Gemeinderäte schauen sich den Film an, in Amsterdam, in Barcelona…weil das Thema Massentourismus in urbanen Räumen viele betrifft, und es nicht nur darum geht, soviel Geld wie möglich zu machen. Wenn du einmal eine Struktur zerstört hast, dann lässt sie sich auch nicht mehr herstellen. Das ist sicher ein zentrales Thema, das uns immer wieder beschäftigt. Wahrscheinlich weil wir hier aufgewachsen sind. Es ist zwar jetzt auch so, dass wir kleinere Werbefilme für die IDM machen, für Südtirol, aber das war auch ein größerer Prozess. Den Tourismus zu leugnen, oder zu sagen, den Tourismus wollen wir nicht, wäre ja utopisch. Ich bin jetzt viel in Südtirol unterwegs und der Reichtum, den wir haben, der wäre ohne Tourismus nicht möglich. Ich kenne viele tolle Projekte, alternative Projekte, die könnten alle nicht überleben, wenn es nicht den Tourismus gäbe. Und deshalb ist unser Blick jetzt auch differenzierter, es gibt Tourismus und Tourismus. Das habe ich gelernt, von „Meine drei Zinnen“, über „Venedig Prinzip“ zu heute.

Quale era il vostro progetto più difficile, dove era difficile trovare un consenso fra di voi, dove avete litigato?

Valerio B. Moser: Litigato, no, questo mai. Discussioni sì, ma litigato – mai. Io devo dire che i progetti più difficili erano quelli dove ho lavorato con registi che non erano Andreas. Erano quasi sempre progetti di low budget, di giovani registi, dove abbiamo fatto molti compromessi – e guadagnato quasi niente.

Andreas Pichler: Ja, das gehört auch zu unserer Unternehmensphilosophie. Es gibt meine Projekte, es gibt Valerios Projekte, es gibt unsere Projekte, aber es war immer schon ein Anliegen, anderen Filmemachern, südtiroler Filmemachern eine Plattform zu bieten, soweit es unsere Zeit zulässt. Wie z.B. der Film „Nadja & Svetla“ von Maura Delpero. Wir haben den Film sogar initiiert, über badanti, das war ein Film, wo es unglaublich schwierig war die nötigen Gelder aufzutreiben, niemand hat daran einen Cent verdient, das bisschen Geld ging dann in die Produktion. Aber wir fanden es wichtig, dass ein Film über die ausländischen Pflegerinnen gemacht wird. Dass so ein Film dann in Italien relativ gut lief und auch einige Preise gewonnen hat, das ist dann natürlich gut.

Ihr arbeitet ja viel im europäischen Kontext. Der jüngste Film, der in Kürze zu sehen sein wird heißt „Der vierte Kontinent“, über das Haus der Solidarität in Brixen. Dieser Film wird von Südtirol gefördert, aber auch von Deutschland koproduziert. Ist diese kleine Realität in Südtirol denn für den deutschen Filmmarkt interessant?

Andreas Pichler: Ja, die junge Produzentin Tanja … aus Leipzig ist sogar auf uns zugekommen, sie hatte in der Süddeutschen Zeitung einen Artikel darüber gelesen und fand das Haus, und wie es funktioniert, eine spannende Sache. Bei diesen Projekten geht es schlussendlich immer darum, dass man das Kleine universal macht. Es geht darum, dass man eine gute Geschichte erzählt, die über die Landesgrenzen hinausgeht. Das war immer unser Anspruch bei solchen Projekten. Das ist überhaupt das um und auf beim Dokumentarfilm, dass man gute Geschichten erzählt, die universal sind, jenseits des thematischen Interesses. Am Ende möchten wir gute Geschichten erzählen, vielleicht sogar bessere als in Spielfilmen (schmunzelt).

Tra 10 anni, come vi vedete? A che temi vi lancerete?

Valerio B. Moser: Io non sono un grande pianificatore, vado molto a vista. Però attualmente c`è un tema che ci interessa molto, ed è quello del pubblico e del privato. Che ruolo ha il pubblico oggi nella nostra società? Tutti ne parlano male, sono delusissimi di questi sistemi pubblici, come se fossero tutti dei ladri, dei criminali. Quindi questa grande crisi d’ identità del pubblico e quanto guadagna poi il privato di questa crisi, stiamo lavorando su un progetto in questa direzione…

Andreas Pichler: Grundsätzlich sind Dokumentarfilmer immer nach vorne gerichtet, also: Wo gehen wir hin, wie entwickelt sich unsere Gesellschaft? Was für ein Leben wollen wir? Diese Fragen stecken immer in all unseren Projekten. Themenmäßig ist das eine Linie, die wir verfolgen. Als Firma haben wir schon mehrere Phasen hinter uns. Wir haben begonnen, bevor es eine Filmförderung gab in Südtirol, da war es für uns immer essentiell im Netzwerk zu arbeiten, in europäischen Koproduktionen. Wir waren dann oft die kleinen Mitproduzenten, obwohl wir die Idee hatten. Aber wir hatten eben nur wenig Geld. Mit der Filmförderung geht das jetzt etwas besser. Wir hatten auch bereits Angestellte, Leute, die für uns gearbeitet haben, aber meistens waren wir zu zweit. Wir haben dann vor zwei Jahren beschlossen, dass wir nicht größer wachsen möchten. Valerio war das ein großes Anliegen, weil er vielleicht nicht so gerne delegiert (lacht)?

Valerio B. Moser: Nein, wegen der positiven Chemie…la chimica positiva di Miramonte è il lavoro a due. Ingrandirsi significherebbe portare altro capitale umano, perché noi due siamo già al limite. C’è stato un periodo dove cercavamo un possibile terzo socio però non ci convinceva, non siamo riusciti a trovare una terza persona che sia in grado di entrare in un nucleo a due già cosi consolidato. E poi sono anche un po’ fifone, non mi piacerebbe fare dei compromessi, fare delle cose per creare volume di soldi che non ne siamo poi tanto convinti.

Al filmfestival di Bolzano ci sarà uno spazio dedicato a voi, alla vostra ditta di produzione Miramonte, che è molto importante per L’ Alto Adige. I film che verranno progettati sono film degli primi anni della vostra ditta. Qual è vostro film documentario più preferito?

Andreas Pichler: Aus der Miramonte Produktion ist das sicherlich “Das Venedig Prinzip”, weil er mit einem unserer zentralen Themen, dem Tourismus, zu tun hat, weil er in Italien und außerhalb gut lief und beim Publikum gut angekommen ist. Darüber hinaus: Einer der Filme, der mich am stärksten geprägt hat ist „Le mepris“ von Jean Luc Godard. Godard überhaupt hat mich sehr geprägt, während meiner Studienzeit und auch jetzt als Filmemacher.

Valerio B. Moser: À me piacciono le commedie sinceramente. Mi piacciono anche i “Kammerspiele”, questi drammoni americani tipo il conflitto padre figlio, la gatta sul tetto che scotta, quello stile li. Anche la commedia britannica mi piace tantissimo, il mio attore preferito è Peter Sellers.

Das Kino hat in Italien eine große Tradition. In welche Richtung geht der italienische Film derzeit?

Andreas Pichler:  Ich arbeite derzeit an einem Film über “Baumi”, dem südtiroler Produzenten Karl Baumgartner, und dieser Film geht auch der Frage nach, in welche Richtung sich das Filmgeschehen, das Kino entwickelt, generell. Auf Italien bezogen ist es so, dass es extrem wenige Produktionen gibt, jetzt im Vergleich zu Deutschland. Aber diese sind sehr gut. Ich liebe Sorrentino, Garrone, das sind tolle Leute und ich glaube, das Feeling für das Kino ist in Italien sehr stark, das Handwerk ist gut. Aber die Produktionsstrukturen sind ein Desaster, darunter leiden auch wir als Produktionsfirma, weil es extrem schwierig ist, zu Geld zu kommen. Das ist eine echte Tragödie. Generell beobachte ich, und das ist vielleicht auch interessant für Bozen, dass sich die Festivallandschaft vom Publikum trennt. Meistens laufen die Preisträgerfilme von Festivals nicht gut im Kino – und das teilweise zu Recht, weil sie oft zu abgehoben, zu anstrengend sind.  Es gibt immer wieder tolle Ausnahmen, wie der deutsche Film Toni Erdmann z.B.. Aber ich finde die Diskrepanz zwischen den Filmen, die auf den großen Festivals laufen, und die dort Preise gewinnen und den Filmen, wo das Publikum hingeht immer größer. Die Deutschen sagen, dass Arthousefilme, also das was wir als gutes Kino bezeichnen, sehr schwierig sind, kein Publikum finden. Aber insgesamt sind die Zahlen im Kino super, die Leute gehen ins Kino, nur schauen sie sich eben andere Filme an. Da müssten die Produzenten mehr ans Publikum denken. Oder man macht das wie das Theater, man schaut gar nicht auf die Publikumszahlen und produziert für das Festival. Im Dokumentarfilmbereich ist es da etwas anders, der Dokumentarfilm war in Mitteleuropa noch nie so populär, wie im Moment.

Non farete mai un film fiction?

Valerio B. Moser: Dipende in che ruolo.

Andreas Pichler: Come attore?

Valerio B. Moser (lacht): La curiosità c’è! Come produttore no, questo no, ma come attore…

Grazie, Danke für das Gespräch!

 

 

Sono stati scelti i finalisti di FINAL TOUCH #2: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS

Rendiamo noti i nomi dei filmmakers scelti per partecipare al progetto i FINAL TOUCH #2: INTENSE FEEDBACK FROM EXPERTS, l’offerta settoriale di altissimo livello che ha l’obiettivo di sostenere giovani filmmakers nel perfezionamento dei rispettivi film e documentari per il cinema.

I partecipanti all’offerta formativa FINAL TOUCH #2 sono:

Beatrice Dina con “The Barefoot shoemaker“  (Modena) -documentario;
Sarah Trevisol con “Gods for a week“ (Bolzano) – documentario;
Andreas Wolf, Stefanie Brockhaus con “Behind the Veil“ (Monaco) – documentario.

Il progetto, organizzato dalla Film Commision dell’Alto Adige e Bolzano Film Festival Bozen offre ai giovani filmmaker la chance di dare un ultimo tocco al proprio progetto nel corso di un colloquio confidenziale con un team interdisciplinare di esperti e di discutere i parametri individuali per far esordire con successo il proprio film.

Gli esperti ad offrire la loro consulenza durante i workshop 2017 sono: Nikolaj Nikitin (settore Filmfestival), Evi Romen (settore montaggio), Catia Rossi (settore distribuzione), Josef Reidinger (settore postproduzione), Gabriele Röthemeyer e Christiana Wertz (settore fondi di finanziamento).

La novità del 2017 è l’assegnazione del FINAL TOUCH ARRI Media post-production prize ad un progetto che ha colpito in modo particolare gli esperti. Il premio include servizi di postproduzione pari a EURO 5.000 presso la ARRI Media (Monaco).

 

Il festival investe nei sottotitoli

Quasi tutte le opere che vengono presentate nelle varie sezioni del festival sono in lingua originale sottotitolate o in inglese, o in tedesco o in lingua italiana.Per le opere che sono pervenute prive di sottotitoli, ma che comunque sono state scelte come interessanti e quindi incluse nel programma, ha provveduto il festival, stanziando una parte del proprio budget, alla sottotitolazione.

Si tratta ad esempio del film Das unmögliche Bild dell’austriaca Sandra Wollner (2016, 70 min., sottotitoli in italiano) che si svolge a Vienna, Austria ipercattolica degli anni Cinquanta e racconta di un nucleo familiare e di ciò che accade attorno all’indicibile attività della nonna, una delle tante creatrici di angeli: in quegli anni praticava l’illegale attività degli aborti clandestini.

Sottotitolati a cura del festival in lingua italiana sono pure i documentari di Carolin Genreith Happy (2016, 90 min.) dove la regista racconta la solitudine del padre dopo la separazione dalla moglie e la difficile ricerca dell’uomo di una nuova compagna, che  troverà in una ragazza in Thailandia e quello di Corinna Belz Peter Handke – Bin im Wald. Kann sein, dass ich mich verspäte (2016, 89 min.), documentario sulla vita e l’opera di Peter Handke, scrittore, saggista, drammaturgo, poeta, reporter di viaggio e sceneggiatore austriaco di cui parecchie opere sono state tradotte in lingua italiana.
Ha doppi sottotitoli (italiani e tedeschi) infine il film d’apertura del festival Rusty Boys del regista lussemburghese Andy Bausch (2017, 107 min) divertente commedia sugli arzilli Fons, Lull, Nuckes e Jängi, che   non ne vogliono proprio sapere di finire in una casa di riposo. Cosa fare allora? Ma certo:  fondare una comune! Nel suo undicesimo film, il regista lussemburghese  Andy Bausch  (che rappresenta anche a Bolzano FOCUS EUROPA: il Lussemburgo Paese ospite del festival 2017).

Giovanti talenti e molte opere prime

Tra i filmmakers che presentano le loro opere alla prossima edizione del festival spiccano quest’anno i giovani, tra cui molte donne registe. Inoltre ci sono in programma anche numerose opere prime che spaziano in tutte le sezioni del festival, non solo tra i film e documentari scelti per i diversi concorsi

Nel concorso per il miglior documentario, i film Happy di Carolin Genreith e Saro di Enrico Maria Artale (entrambi i filmmakers sono classe 1984) e The good intentions dell’ex studentessa ZeLIG (e primo film ZeLIG in concorso nella storia di BFFB) Beatrice Segolini e di Maximilian Schlehuber (entrambi classe 1991), non sono legati solamente dalla giovane età dei loro registi, ma anche dai temi scelti: tutti si occupano di rapporti familiari, in particolare con il padre.

Diverse opere prime  sono anche presenti nel concorso al miglior lungometraggio, come ad esempio Das unmögliche Bild dell’austriaca Sandra Wollner (classe 1983), oppure Die Einsiedler del nativo bolzanino Ronny Trocker (classe 1978), e ancora I figli della notte di Andrea de Sica (classe 1981), che è anche uno dei 6 film presenti nella sezione Made in südtirol, che accorpa quei film girati in parte sul territorio con il sostegno della IDM Südtirol Alto Adige.

Molti i giovani presenti anche nelle altre sezioni del festival, come adesempio in Local artists, dove troviamo il noir Im Nesseltal di Philipp P. Pamer (classe 1985), Bar Mario di Stefano Lisci (classe 1984), Brennero/Brenner di Julia Gutweniger e Florian Kofler (nati rispettivamente nel 1988 e nel 1986), Thank you George di Jasmin Mairhoher (classe 1989) e Quellmalz di Mike Ramsauer (classe 1981), che ha concorso e poi è stato scelto per partecipare – in fase di lavorazione finale – al progetto FINAL TOUCH#1 organizzato in collaborazione di IDM Südtirol-Alto Adige e che verrà presentato venerdì 7 aprile alle ore 20.00 in anteprima al Capitol 2.

Tutti i sopracitati filmmakers sono ospiti del festival ed alcuni di loro (Sandra Wollner, Ronny Trocker, Mike Ramsauer, Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber) parteciperanno al Salto Talk: giovani registi al festival: il debutto, un incontro moderato dal giornalista Martin Hanni, che avrà luogo venerdì 7 aprile dalle ore 11.00, nel foyer del cinema Capitol a Bolzano e a cui tutti7e sono invitati a partecipare.

I film per bambini/ragazzi a BFFB 20017

Saranno non uno come era di tradizione, ma due, i film per i bambini  alla prossima edizione del festival: uno verrà presentato in lingua tedesca e uno in lingua italiana, sottotitolato in inglese, cui si aggiunge quest’anno anche un cortometraggio per i ragazzi.

Si tratta de La canzone del mare (animazione, Irlanda, Belgio, Danimarca, Lussemburgo, Francia 2014, 93 min., italiano / sottotilato in inglese) del pluripremiato regista irlandese Tomm Moore. Nato a Newry, Irlanda del Nord, nel 1977, Moore ha studiato animazione al Ballyfermot College di Dublino. Ha co-fondato lo studio di animazione Cartoon Saloon e ha scritto, prodotto, animato e diretto cortometraggi e spot pubblicitari. “The Secret of Kells” nel 2010 e “La canzone del mare” nel 2015, sono stati nominato all’Oscar per il Miglior film d’Animazione.

Il film si svolge in un’isola sulla costa dell’Irlanda, dove il piccolo Ben cova risentimento per la sorella minore Saoirse, la cui nascita avrebbe (per quel che ne sa) posto fine alla vita dell’adorata mamma. Il babbo Conor, devastato dal dolore, teme soprattutto una cosa: che la piccola abbracci il destino di sua madre, che come lei era una selkie, cioè una mistica creatura del mare in grado di trasformarsi in foca. Ben comincerà a guardare la sorella in modo diverso, mentre per Saoirse si apriranno le porte di una missione epica… La musica del film è della famosa band irlandese Kila.

Secondo film per ragazzi in programma è Amelie rennt coproduzione italo-tedesca del regista tedesco Tobias Wiemann (2017, 97 min.). Il film, in concorso e premiato a Generation Kplus della 67. Berlinale, sezione che ospita solitamente opere cinematografiche legate al mondo dei bambini e dei ragazzi, è stato girato anche in Alto Adige tra l’Alpe di Siusi e la Valle Aurina la scorsa estate e racconta l’incontro magico tra una ragazzina di città e un ragazzo di montagna. Protagonisti sono la giovane Mia Kasalo e l’attore altoatesino Samuel Girardi, insieme a Susanne Bormann, Denis Moschitto e Jasmin Tabatabai. Menzione speciale a Berlino con la seguente motivazione: “il film, con umorismo e dialoghi pieni di ritmo, descrive la nascita di un’amicizia speciale tra due personaggi affascinanti”

Inoltre verrà poiettato al festival il corto Superheroes di Volker Petters (Germania, 16 min., in lingua tedesca) che racconta le vicessitudini di Phil, che è davvero piccolo per la sua età e per questo viene sempre provocato da Samuel e dai bulletti della sua compagnia. Quando Jo la lesbica, più grande di loro, corre in aiuto di Phil, a Samuel non va bene per niente. Ma Jo e Phil non sono gli unici ad essere diversi e isolati dagli altri

Michele Placido: ospite d’onore di BFFB 2017

Michele Placido ospite d’onore con premio alla carriera alla prossima edizione di Bolzano Film Festival Bozen

L’attore, regista e sceneggiatore italiano Michele Placido (Ascoli Satriano, 19 maggio 1946), a livello internazionale conosciuto per il ruolo del commissario di Polizia Corrado Cattani, interpretato nelle prime quattro stagioni della celebre serie televisiva La piovra, sarà l’ospite d’onore alla prossima edizione del festival del cinema di Bolzano.

Placido, che vinto l’Orso d’argento per il miglior attore al Festival di Berlino per Ernestodi Salvatore Samperi e diversi David di Donatello, dopo essere stato diretto dai più impegnati registi italiani, da Bellocchio a Montaldo, Rosi, i Taviani, Amelio e Ferreri, è comparso anche in commedie brillanti, come Il caimanodi Nanni Moretti.

FILMOGRAFIA DI MICHELE PLACIDO (come regista):  2016  7 minuti, 2015 La scelta, 2012 Il cecchino, 2010 Vallanzasca – Gli angeli del male, 2009 Il grande sogno, 2005 Romanzo criminale, 2004 Ovunque sei, 2002 Un viaggio chiamato amore, 1998 Del perduto amore, 1995 Un eroe borghese, 1992 Le amiche del cuore, 1990 Pummarò

 Omaggio all’ospite d’onore

A Bolzano FilmFestival Bozen 2017 verranno proiettati due dei suoi film da regista, 7 MINUTI (lungometraggio, Italia 2016, 88 min.) e LA SCELTA (lungometraggio, Italia 2015, 86 min.), entrambi in italiano con sottotitoli in inglese.

7 MINUTI: I proprietari di un’azienda tessile italiana cedono la maggioranza a una multinazionale. Sembra che non siano previsti licenziamenti, operaie e impiegate possono tirare un sospiro di sollievo. Ma c’è una clausola nell’accordo che la nuova proprietà vuole far firmare al Consiglio di fabbrica. Undici donne dovranno decidere per sé e in rappresentanza di tutta la fabbrica se accettare la richiesta dell’azienda. Il dibattito si accende in un caleidoscopio di vite diversi e pulsanti di donne, madri, figlie. Da una storia vera.

Il film verrà proiettato il giorno 7 aprile 2017, alle ore 21.15 al CAPITOL 1, in presenza del regista, che riceverà anche i premio del festival alla sua carriera.

LA SCELTA: Quella di Laura e Giorgio potrebbe essere una storia di normale felicità quotidiana, se solo una violenza improvvisa non ne sconvolgesse l’equilibrio, portando alla luce le loro diversità caratteriali. Quando, poi, Laura scopre di essere incinta, il dubbio sulla paternità del bambino mette alla prova il loro amore, costringendo i due coniugi ad affrontare ogni paura e a fare una scelta.

Il film verrà proiettato il giorno 6 aprile 2017, alle ore 20.30 al TEATRO CINEMA RAINERUM.

Dialogo con Michele Placido

Il giorno 7 aprile, alle ore 17.00, presso l’ACADEMY Cassa di Risparmio di Bolzano, in Via Cassa di Risparmio, 16, si terrà un incontro con il regista a cui pubblico e stampa sono invitati a partecipare.

Ecco i membri e i film scelti per la giuria studenti Euregio 2017

Tra tutti i film e documentari in concorso alla prossima edizione del festival, sonon stati scelte 5 opere che verranno giudicate da una giuria composta da ragazzi di 17 anni. Le opere sono state selezionate perché ritenute adatte all’età dei/lle ragazzi/e e sono:

Geschwister  di Markus Mörth
I figli della notte di Andrea de Sica
La ragazza del mondo di Marco Danieli
Unten di Djordje Čenić e Herrmann Peseckas
Café Waldluft di Matthias Koßmehl

I ragazzi che sono stati ammessi a partecipare alla GIURIA STUDENTI EUREGIO 2017 sono 9: tre provengono da scuole superiori del Tirolo, 3 dal Trentino e 3 dall’Alto Adige e sono:

Chiara Bonoldi, Bolzano (Alto Adige), 4. classe del Liceo Linguistico Carducci, Bolzano
Elisa Leimgruber, Girlan (Alto Adige), 5. classe del Liceo Maria Huber, Bolzano
Greta Maurer, Bolzano (Alto Adige), 4. classe Liceo Walther von der Vogelweide, Bolzano
Davide Angeli, Trento (Trentino), 4a classe Liceo Linguistico Sophie Scholl, Trento
Niccoló Fuiano, Trento (Trentino), 4a classe Liceo Linguistico Sophie Scholl, Trento
Giona Vettori, Trento (Trentino), 4a classe ITA San Michele all’Adige
Vanessa Egger, Kaprun (Salisburgo), Medienkolleg Innsbruck
Greta Longariva, Innsbruck (Tirolo), Medienkolleg Innsbruck
Irene Mallaun, See (Tirolo), Medienkolleg Innsbruck

I ragazzi sceglierannola loro opera preferita accompagnati nel percorso da due tutor, Arnold Schnötzinger e Werther Ceccon. Il film vincitore farà poi un tour autunnale nelle tre Regioni dove verrà proiettato in presenza dei ragazzi-giurati e del/lla regista.

Ringraziamo tutti/e i/le ragazzi/e che hanno partecipato alla selezione e ci congratuliamo con i nuovi nove giurati 2017, ai/lle quali auguriamo già ora buon lavoro e buon divertimento al festival!

I film e documentari in concorso

Di seguito i film e i documentari che saranno in concorso alla 31esima edizione di BFFB prevista dal 5 al 9 aprile 2017. Come sempre le opere saranno giudicate rispettivamente da due giurie internazionali ed insieme dal pubblico in sala.

Lungometraggi in concorso

La regista austriaca Sandra Wollner con Das unmögliche Bild accompagna lo spettatore a casa di una famiglia di Vienna, nell’Austria ipercattolica degli anni Cinquanta, che si scoprirà nascondere comportamenti segreti e illegali.

Si va dalla città alle Dolomiti con la coproduzione austro-tedesca Die Einsiedler del regista Ronny Trockner, che racconta di Albert, unico figlio dei contadini Marianne e Rudl, iperprotetto dalla madre, che per lui nasconderà una morte alla comunità.

Markus Mörth firma un’altra coproduzione austro-tedesca, Geschwister, toccante storia di due giovani fratelli moldavi chedecidono di lasciare il loro paese per cercare un futuro migliore.

L’Italia è in concorso con I figli della notte di Andrea De Sica, che ci porta in un collegio per rampolli dell’alta società, dove vengono formati i dirigenti del futuro con metodi duri e rigidi da cui i ragazzi cercano di scappare.

L’Austria si presenta in concorso con il regista tirolese Händl Klaus che con Kater racconta di Andreas e Stefan, due musicisti che convivono con un gatto in un’elegante villa, in un idillio di colpo spezzato da un clamoroso scatto di follia devastante di uno dei due.

Con La ragazza del mondo, l’italianoMarco Danieli racconta del mondo e delle rigide regole dei Testimoni di Geova, attraverso la storia di una ragazzacui viene imposto di non frequentare chi non appartiene alla comunità.

I registi Tizza Covi e Rainer Frimmel tornano al festival con la coproduzione italo- austriaca Mister Universo, storia diTairo, giovane domatore di leoni infelice che perde il suo talismano e decide di intraprendere un viaggio attraverso l’Italia per ritrovarlo.

Il regista italiano, naturalizzato svizzero Rolando Colla è in concorso 7 giorni, storia d’amore tra Ivan e Chiara che si incontrano su un’isola siciliana alle prese con i preparativi del matrimonio del fratello di lui, con la migliore amica di lei.

Documentari in concorso

Della tedesca Carolin Genreith è Happy con cui la regista racconta la solitudine del padre dopo la separazione dalla moglie e la difficile ricerca dell’uomo di una nuova compagna, che troverà in Thailandia.

La regista ligure Federica Di Giacomo porta a Bolzano Liberami, esilarantefilm sul ritorno dell’esorcismo nel mondo di oggi e su come la Chiesa risponda all’emergenza spirituale nominando un numero crescente di preti esorcisti ed organizzando corsi di formazione.

Ancora dalla Germania arriva Peter Handke – Bin im Wald. Kann sein, dass ich mich verspäte di Corinna Belz, sulla vita e l’opera di Peter Handke, scrittore, drammaturgo, saggista, poeta, reporter di viaggio e sceneggiatore austriaco.

Il regista romano Enrico Maria Artale firma Saro, unviaggio alla ricerca di un padre mai conosciuto. Un percorso immaginifico attraverso la Sicilia, tra conversazioni e paesaggi dell’anima.

The good intentions è il documentario in concorso dellagiovane regista bresciana Beatrice Segolini che dopo 7 anni passati lontano, torna a casa con la sua film crew per una una missione difficile: rompere il tabù che vige sulla violenza del padre.

Dalla Svizzera arriva Unerhört Jenisch di Karoline Arn, Martina Rieder, che accompagna il musicista Stephan Eicher tra le montagne svizzere alla ricerca delle tradizioni e della musica jenisch, i nomadi che vivono in Svizzera dal Medioevo.

Unten dei registiDordje Čenić e Hermann Peseckas parte da Linz, Austria, a metà degli anni Settanta per raccontare in un viaggio autobiografico le storie dei lavoratori stranieri.

Cercasi membri per la giuria studenti dell’Euregio!

 

Dal 2016 Bolzano Film Festival Bozen ha anche una giuria di studenti. Oltre alle due giurie di esperti internazionali chiamati a premiare documentari e lungometraggi e oltre alla giuria popolare costituita dal pubblico in sala, il festival chiama a Bolzano 9 studenti del liceo a giudicare il migliore tra 5-6 film e/o documentari, destinati ad un pubblico giovane.

Scopo del progetto, fortemente voluto dal team del festival e che gode del prezioso sostegno dell’EUREGIO e delle intendenze scolastiche dei Paesi membri, è quello di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema, dando loro strumenti di conoscenza dello stesso nell’atmosfera viva e piena di energia ed impulsi di un festival internazionale del cinema.

La composizione della giuria è la seguente: tre studenti provengono dall’Alto Adige, tre dal Trentino e tre dal Tirolo. Gli studenti e le studentesse che fossero interessati/e a partecipare alla prossima giuria studenti 2017 e ad essere accompagnati nel loro lavoro da due tutor esperti di cinema che insegneranno loro varie tecniche di scrittura cinematografica e come si recensisce una pellicola, possono fare domanda al festival entro il 10 febbraio 2017, compilando l’apposito modulo e consultando qui le informazioni necessarie. Tutte informazioni a riguardo vengono anche communicate tramite le intendenze scolastiche delle tre regioni.

Entro il 20 febbraio 2017, una giuria di  esperti sceglie i 9 giurati tra gli studenti che hanno presentato la loro candidatura al festival e ne comunica i nomi alle rispettive scuole. Contemporaneamente viene anche chiesto alle scuole di esentare i/le ragazzi/e scelti dalle lezioni durante i giorni del festival (5-9 aprile 2017) in modo da permettere loro di svolgere ilm loro lavori di giurati/e, che verrà spiegato nei dettagli anche alle scuole.

Uno sguardo al 2017

Internazionale, ma unico nel suo dialogo privilegiato tra il Nord e il Sud, tra tedesco ed italiano, dopo avere da poco festeggiato con successo il suo 30esimo compleanno in una nuova veste e con un nuovo nome, BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN si appresta a consolidare le tante novità introdotte nel 2016 e a regalare giornate speciali anche per la prossima edizone, prevista dal 5 al 9 aprile 2017:

5 CONCORSI E PREMI E 3 GIURIE INTERNAZIONALI
premio al miglior film
premio al miglior documentario
premio del pubblico al miglior film o documentario
premio della giuria studenti Euregio al miglior film o documentario
premio d’onore alla carriera

FINAL TOUCH  l’offerta formativa per giovani filmmakers
FOCUS EUROPA un paese europeo ospite
LOCAL ARTISTS la finestra sui cineasti altoatesini
MADE IN SÜDTIROL la finestra sul cinema girato sul territorio
CAMPUS. INDUSTRY MEETS FESTIVAL Workshop & Speed Dating
locations di proiezione in tutto l’Alto Adige
dialoghi con esperti del settore

 

FFB2017_LOGO-2_rgb

I termini per le iscrizioni di film sono scaduti il 15 dicembre!

I termini per l’invio delle opere per il programma Bolzano Film Festival Bozen 2017 sono scaduti il 15 dicembre.

Ringraziamo tutti/e i filmmakers per l’interesse mostratoci nell’invio delle proprie opere, delle quali, visti i pochi giorni di durata del nostro festival, solo una parte potrà essere presa in considerazione e inserita nel programma.  I risultati della scelta saranno comunicati entro fine febbraio insieme al programma definitivo del festival.

eco della stampa 2016

 

„Während andere Grenzen schließen, habt ihr sie geöffnet.“
Philipp Achammer, Landesrat für die deutsche Kultur“Coerentemente, gli organizzatori hanno potuto elaborare
in modo originale la necessità di rafforzare i rapporti con
il mondo professionale: non tentando di costruire, come
accade spesso, uno spazio dedicato al mercato, ma imboccando
con convinzione la strada della formazione della
promozione dei nuovi talenti.”
Cinema & Video international„Das Festival schaut nach Europa”
Südtiroler Tageszeitung„Focus Europa ist eine wichtige Neuerung
des Bolzano Film Festival Bozen 2016“
Dolomiten“Un’edizione di successo che ha visto il piccolo festival
bolzanino crescere moltissimo e ritagliarsi un profilo
sempre più autorevole dentro l’affollato panorama
delle rassegne che guardano al cinema. Un profilo
sempre più internazionale (…)”
Alto Adige„Bolzano Film Festival Bozen:
Wer nicht da war, hat etwas verpasst!“
Südtiroler TageszeitungBFFB.Presseschau. rassegna stampa 2016
https://www.youtube.com/watch?v=JJhHlkx4siI

Andrea Deaglio, Show all this to the world (Trailer)
in concorso al miglior documentario al Bolzano Film Festival Bozen 2016

ospiti 2016

I premi assegnati al Bolzano Film Festival Bozen 2016

I vincitori della 30esima edizione di BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN 2016:


Premio Provincia autonoma di Bolzano al miglior lungometraggio

La giuria internazionale composta da Alessandro AnderloniRené Frotscher e Betty Schiel ha deciso di premiare:

HERBERT di Thomas Stuber come miglior film e di attribuire una menzione speciale a DIE SCHWALBE di Mano Khalil.

Di seguito le motivazioni della giuria:

Il premio per il miglior film va a HERBERT di Thomas Stuber.

Senza compromessi, radicale e denso, il film è sostenuto dalla straordinaria interpretazione del protagonista Peter Kurth. Raccontando la fisicità maschile e mettendoci di fronte a una crisi esistenziale, Herbert mostra ciò che è veramente essenziale nella vita. La fotografia ci porta dentro alla storia, sempre vicini al protagonista, con inesorabile intensità.

Una menzione speciale della giuria va al film DIE SCHWALBE di Mano Khalil.

 

Premio Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano al miglior documentario

La giuria internazionale composta da Tizza Covi, Petra Felber e Elena Fischli Hinshaw ha deciso di premiare LAMPEDUSA IM WINTER del regista Jakob Brossmann come miglior documentario e di attribuire una menzione speciale a “ALS DIE SONNE VOM HIMMEL FIEL” di Aya Domenig.

Di seguito le motivazioni della giuria:

LAMPEDUSA D’INVERNO ci offre uno sguardo pieno di rispetto su un microcosmo alla periferia d’Europa. Incontriamo uomini e donne che affrontano quotidianamente delle sfide esistenziali. Jakob Brossmann riesce a darci un ritratto complesso e commovente dell’isola e della sua popolazione.”

Menzione speciale per:
“Als die Sonne vom Himmel fiel” di Aya Domenig

per aver congiunto in modo convincente il personale col collettivo, il poetico col politico, la forma cinematografica con lo spazio socio-culturale.

Premio del pubblico Città di Bolzano

Il pubblico in sala ha votato per:

Un tango màs di German Kral 

Premio giuria studenti Euregio

Il film vincitore assegnato dalla giuria studenti, composta da David FrötscherDavid LamprechtCarlo BrugnaraDavide Polacco, Jasmine Wang, Theresa EggerJanick Entremont, Beatrice Fahrngruber e Jasmin Angler proveniente dal Tirolo, Alto Adige e dal Trentino e seguita dai tutor esperti Arnold Schnötzinger e Werther Ceccon è:

“Die Schwalbe” die Mano Khalil

Di seguito le motivazioni della giuria:

“Noi, la giuria giovani dell’Euregio, abbiamo deciso di promuovere il film che ci ha convinto maggiormente soprattutto grazie alla profondità dei temi affrontati e agli  interessanti sviluppi nella personalità dei protagonisti. La coerenza , la vitalità, la ricchezza espressiva delle immagini e la convincente prova da parte degli attori ci permettono di accostarci autenticamente a due mentalità in contrapposizione fra loro.

L’identificazione progressiva con i due protagonisti ci permette di avvicinarci alla ricerca, sempre presente, della propria identità e ad una cultura profondamente diversa. Anche lo spettatore viene invitato ad una ricerca del proprio io. Per tutti questi motivi la giuria giovani dell’Euregio ha deciso di premiare il film “Die Schwalbe” di Mano Khalil.”

Il film premiato rientrerà poi nel futuro programma scolastico KINO & SCHULE e sarà presentato in varie scuole di Bolzano, Innsbruck e Trento in presenza del/della regista, con la moderazione in sala fatta dei ragazzi stessi.

[wpdevart_youtube]oGuVB6Z7qgM[/wpdevart_youtube]

Thomas Stuber, Herbert (Trailer)
Premio Provincia autonoma di Bolzano al miglior lungometraggio

BFFB consiglia!

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Tedesco.